Rigori ancora fatali. Iemmello sbaglia, Foggia k.o. a Cosenza. Addio primo posto

Dopo cinque vittorie consecutive la corsa dei rossoneri si ferma a Cosenza. Decisivo un rigore di La Mantia al 26' del secondo tempo. Cinque minuti dopo, l'errore del "Re" dagli undici metri, condanna i rossoneri. Satanelli a -7 dal Benevento, e superati dal Lecce

Addio sogni di gloria. Il Foggia abbandona le speranze, già flebili, di rimontare il Benevento (a cui basta un punto per festeggiare la promozione in Serie B, ndr) e deve recriminare ancora una volta per un errore dal dischetto. Il quinto rigore sbagliato, da Iemmello, cinque minuti dopo quello realizzato da La Mantia, ha di fatto sancito la sconfitta dei rossoneri, la cui striscia di vittorie consecutive si ferma a cinque.
Una tradizione negativa, a Cosenza, che dura da oltre cinquant’anni. L’ultima vittoria, infatti, risale alla stagione 63/64.
Una brutta sconfitta, giunta in una gara nella quale le due squadre si sono progressivamente annullate. Poche occasioni nitide, niente straordinari per i due estremi difensori, per quanto i guanti di Perina risulteranno più sporchi rispetto a quelli pressoché intonsi di Micale. Ma per vincere oggi serviva un Foggia ben più intraprendente, cattivo sotto porta. Invece, la formazione di De Zerbi non è andata oltre il dominio sul possesso palla ormai di default.

LE PAGELLE

Il 3-4-3 di De Zerbi, pronosticabile a inizio gara, stavolta non produce gli effetti sperati. Meriti del Cosenza, che mantiene sempre piuttosto serrate le due linee di difesa e centrocampo, con Cavallaro che ha la licenza di girare intorno ad Arrighini, e demeriti del Foggia, i cui elementi più di qualità non sono molto ispirati. Sainz Maza si accende a tratti solo nella ripresa, venendo sostituito forse nel suo momento migliore, Sarno presenta la versione peggiore di sé. Iemmello si muove bene, ma gode di scarsa assistenza, prima di fare la frittata finale con il rigore sbagliato che spegne i sogni di gloria.
Il solo Vacca si mantiene su standard decenti, non si può dire lo stesso di Agnelli, impreciso in fase di impostazione, e sciupone in chiusura di primo tempo fallendo un’occasione clamorosa a pochi metri dalla porta.
Stesso canovaccio anche nella ripresa, dove l’equilibrio non si spezza. I cambi in corsa premiano i padroni di casa: La Mantia, per un Cavallaro piuttosto sotto tono, realizzerà il rigore procuratosi da Arrighini dopo un contrasto in area con Coletti. De Zerbi punta su Floriano, Gerbo e Chiricò, chiudendo con il 4-2-3-1, senza trovare grosse risposte. L’infortunio di Angelo, sostituito da Chiricò, toglie al gioco dei rossoneri una preziosa fonte di gioco sulle fasce, nonostante l’ex Prato riesca a rendersi più utile di Sarno.
L’errore dal dischetto di Iemmello, su cui Perina è strepitoso, si rivela decisivo, perché impedisce al Foggia di puntare alla vittoria, e assesta un colpo decisivo sulla tenuta mentale dei rossoneri, che non riescono a trovare lo spunto per portare a casa almeno il pareggio. Vince il Cosenza, che può ancora sperare nel quarto posto. Il Foggia scivola al terzo posto, e ora deve di nuovo fare guardarsi alle spalle.

COSENZA (4-4-2) Perina; Corsi, Tedeschi, Blondett, Ciancio; Statella, Caccetta, Arrigoni, Fiordilino (37’st Criaco); Arrighini (33’st Di Nunzio), Cavallaro (12’st La Mantia). Saracco, Pinna, Di Somma, Minardi, Parigi, Ventre. All. Roselli

FOGGIA (3-4-3) Micale; Loiacono, Coletti, Gigliotti; Angelo (33’st Chiricò), Agnelli (23’st Gerbo), Vacca, Di Chiara; Sarno, Iemmello, Sainz Maza (21’st Floriano). A disposizione: De Gennaro, Lauriola, Riverola, Quinto, Lodesani, Arcidiacono, Lanzetta. All. De Zerbi

Arbitro: Tardino di Milano

Marcatori: 26’st rig. La Mantia (C)

Ammoniti: Vacca (F), Sainz Maza (F), Ciancio (C), Arrigoni (C), Blondett (C), Iemmello (F)

Note: 31’st Perina (C) respinge un rigore a Iemmello (F)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Il rigore lo doveva tirare Sarno... e no Iemmello!! E poi Agnelli come ha fatto a sbagliare quel goal piu facile di un calcio di rigore io non lo so doveva segnare!!!

  • A Foggia tutti allenatori.....Ma andate a lavorare e guardate le cose serie!!!

    • Il tuo commento c'entra zero, parli giusto per...

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Ma dà... un'altra volta a gufare e tutti d'accordo! L'unica cosa fatta dal Cosenza è stato il gol col rigore regalatogli fin troppo generosamente! Ci rivedremo ai playoff, ma dobbiamo crederci!!!

    • Non a gufare ma si tratta di una realtà oggettiva agnelli e stato spettatore non pagante

      • Avatar anonimo di carlo
        carlo

        Ma sì, ma a noi Interessa che il Foggia vada in serie B, con Agnelli o senza!!!

        • Sicuramente ma la sua presenza ora è dannosa meglio mandarlo in panchina

  • De Zerbi non ha la ricchezza lessicale di Pindaro e nemmeno quella di Trapattoni. Giustificare la sconfitta di Cosenza con la stanchezza, fa ridere i polli. Infatti, chi più ha deluso sono stati proprio Agnelli e Iemmello: gli unici due che erano stati a riposo, per squalifica, nel turno precedente.

  • Un allenatore intelligente non dovEva permettere di far tirare il rigore a Iemmello .... uno che sbaglia 5 rigori in un campionato non è un rigorista

  • Agnelli non merita di giocare in questa squadra, è a dir poco scandaloso, sbaglia passaggi perde sempre palla, e per di più sbaglia gol già fatti, mettere lui titolare sacrificando riverola è pura follia

  • Agnelli giocatore inutile in mezzo al campo gol a parte mangiato che pure io avrei segnato nei momenti topici e sempre assente

    • Condivido, agnelli è scandaloso

  • Avatar anonimo di CARAMA Sessantatré
    CARAMA Sessantatré

    Sconfitta meritata,il capitano porterà a lungo il peso di gol fallito e il centravanti non può tirare il rigore sempre allo stesso lato...i portieri guardano le partite quindi studiano gli avversari..Iemmello ha tirato gli ultimi tre rigori allo stesso modo..partita persa contro un avversario mediocre..

    • No mediocre, scarsa!!! Floriano al posto di Sarno avrebbe aiutato immello

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenza di genere, la legge da sola non basta. Bruzzone: “Serve un cambiamento culturale”

  • Cronaca

    Impianto di rifiuti a Monteleone di Puglia, è bagarre. Una delibera smentirebbe il sindaco: "Ecco la transazione"

  • Cronaca

    Perquisizioni a tappeto dei carabinieri, 31enne finisce in manette: aveva violato la sorveglianza speciale

  • Cronaca

    Furto a Torremaggiore di mezzi per la raccolta rifiuti: tre "scarrabili" recuperati vicino all'interporto di Cerignola

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Cerignola, identificate le giovani vittime: hanno 16 e 18 anni

  • Giovanissimi morti nell'incidente di via dei Mandorli: ai domiciliari 22enne, risponderà di omicidio stradale

  • Terribile incidente stradale, a Cerignola: scontro in via dei Mandorli, due le vittime

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Giovanissime vite spezzate, lutto cittadino a Cerignola: "Colpita duramente la comunità"

  • Oggi l'ultimo saluto ad Agostino e Aurora. L'avv. Assumma: "Il conducente rischia fino a 18 anni"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento