La suggestiva Herdonia, l'antica città romana e 'Pompei di Puglia' che custodisce la storia della civiltà dauna

La città di Herdonia conosciuta anche come la "Pompei di Puglia" custodisce un importante patrimonio culturale

Herdonia venne scoperta nel 1962, più precisamente sulla collina della città di Ordona, dagli scavi condotti da archeologi di origine belga. Definita anche come la 'Pompei di Puglia, Herdonia è un'antica città romana importante per la sua vicinanza alla Via Traiana.

In età antica fu teatro di due importanti battaglie durante la seconda guerra punica; spopolatasi durante il tardo medioevo, Herdonia venne definitivamente abbandonata tra il XIV-XV secolo. Soltanto successivamente, tra il XVII e XVIII secolo, conobbe un progressivo ripopolamento.

Gli scavi dell'antica città raccontano la storia e custodiscono i resti dell'importante città della Daunia. Secondo gli studiosi, le prime tracce di vita risalgono al neolitico, mentre i primi insediamenti in loco risalgono all'Età del Bronzo; basti pensare che gli archeologi hanno rinvenuto resti di capanne, case e tombe risalenti all'età del Ferro.

Della città antica restano, invece, soltanto il Capitolium, una villa rustica, la Basilica, il foro e il Macellum.

Herdonia oggi

Aperto al pubblico tutti i giorni, purtroppo contrastare l'abbandono e salvaguardare tutto il territorio e il patrimonio artistico e culturale non è semplice, infatti la vegetazione incolta si sta riappropriando del luogo, tanto che tutti gli affreschi restaurati nel corso del tempo sono stati nuovamente danneggiati dalle intemperie. 

Herdonia oggi è al centro di un cortocircuito burocatrico che gli inizi dell'anno il presidente della Repubblica Mattarella ha provato a risolvere respingendo il ricorso presentato in merito all'esproprio di 24 ettari di proprietà della famiglia Cacciaguerra, definendo l'intera area proprietà del demanio (leggi qui).

Herdonia domani

Un contributo rilevante al recupero, alla valorizzazione e allo sviluppo della 'Pompie di Puglia', arriva dal Contratto Istituzionale di Sviluppo, che ha stanziato 1 milione di euro per la realizzazione dell'omonimo parco archeologico, così da proteggere un luogo storico di grande rilevanza artistica e culturale per tutta la regione Puglia.

Il museo di HerMa

HerMA è il museo archeologico di Herdonia e del suo territorio. È dedicato a conoscere, amare e condividere uno dei più sorprendenti esempi di archeologia dell'Italia meridionale. È il luogo che racconta le straordinarie storie della città, dei suoi abitanti e dei suoi scopritori, dall'età daunia ai nostri giorni, a partire dagli oggetti rinvenuti nella lunga stagione di indagini sul campo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche l’edificio che ospita HerMA è un pezzo della storia di Herdonia. La struttura, edificata negli anni ’90 del secolo scorso come residenza per anziani e mai entrata in funzione, ha ospitato, dal 1995 al 2000, la missione archeologica italo-belga, composta da un numero di ricercatori e studenti cha ha sfiorato anche le 70 unità (approfondisci qui)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento