Campo con Orlando “per superare il leaderismo”: con lui Masciale, De Pellegrino e Mastroluca

Matteo Masciale presidente del comitato pro Orlando. Paolo Campo: "Allarghiamo partecipazione e militanza per superare il leaderismo"

Masciale, Mastroluca, De Pellegrino e Campo

Definito l'assetto direttivo del comitato provinciale che sostiene la candidatura di Andrea Orlando alla segreteria nazione del Partito Democratico. A presiederlo sarà Matteo Masciale, segretario cittadino di San Giovanni Rotondo, al quale si affiancheranno il capogruppo del PD in Consiglio comunale, Alfonso De Pellegrino e la manfredoniana Michela Mastroluca, che hanno assunto la responsabilità dell'organizzazione. Le nomine sono state decise all'esito dell'assemblea di area coordinata dal consigliere regionale Paolo Campo, svoltasi nel pomeriggio di ieri presso l'Unione provinciale del Partito Democratico di Capitanata.

Afferma Paolo Campo: "Abbiamo avviato un percorso politico nuovo che si muove nel solco tracciato dalle tradizioni politiche da cui origina il Partito Democratico e che si prefigge, innanzitutto, lo scopo di allargare la partecipazione e la militanza per superare la sempre più evidente crisi generata dal riformismo leaderista. Lo facciamo affermando, insieme ad Andrea Orlando, che non è più il tempo di scimmiottare la destra, di provare a declinare con accenti di sinistra temi e idee che appartengono ad una visione sovranista e populista.

Prosegue l’esponente del PD di Manfredonia: “Abbiamo il dovere di elaborare un pensiero autenticamente di sinistra e di impegnarci a diffonderlo utilizzando la rivitalizzata rete territoriale dei circoli, che qualcuno ha pensato non siano più utili neanche come comitati elettorali. La forza del PD della Capitanata è, fin dalla sua origine, proprio nel profondo radicamento nel tessuto vivo e vitale delle comunità”

Il consigliere regionale conclude: “Riprendiamo da qui il cammino congressuale convinti che si concluderà con la vittoria di Andrea Orlando e del suo condivisibile progetto politico: ridurre le distanze economiche, sociali, culturali e ricucire le lacerazioni che dividono l'Italia e il PD".

Potrebbe interessarti