Scorta a Liliana Segre, "Ma chi se la incula?": la frase shock del commissario dei Fratelli d'Italia di San Severo

Nel giorno in cui alla senatrice a vita, sopravvissuta ai campi di sterminio, viene data la scorta per le numerose minacce ricevute, anche via social, il dirigente meloniano così si esprime su Facebook

“Liliana Segre? Ma chi se la incula”. Così in un post su Facebook il referente dei Fratelli d’Italia a San Severo, Francesco Stefanetti. Nel giorno in cui alla senatrice a vita, sopravvissuta ai campi di sterminio, viene data la scorta per le numerose minacce ricevute, anche via social, il commissario meloniano così si esprime su Facebook: “Tolgono la scorta a Capitano Ultimo che ha decapitato Cosa Nostra, perché non gli servirebbe. Danno la scorta a Segre perché sarebbe a rischio…ma chi se la incula?” scrive il dirigente FdI, con un linguaggio poco elegante, a maggior ragione trattandosi di una donna. Le parole del già candidato sindaco e consigliere comunale uscente del partito di Giorgia Meloni hanno dato la stura a commenti di scherno ma anche di indignazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento