Nuovo codice degli appalti, Galasso: "Sui subappalti il governo sta sbagliando"

Il segretario provinciale della Feneal-UIl: "Non ci piace la cancellazione del limite del tetto del 30% del subappalto: se non sarà cancellato, avrà un impatto molto pesante sulla qualità del lavoro e sul ciclo delle produzioni"

Juri Galasso

"Una riforma con luci ed ombre. Le ombre, però, rischiano di pesare molto di più. Soprattutto in realtà come Foggia". Così Juri Galasso, segretario generale della Feneal-UIL di Foggia, in merito al nuovo codice degli appalti varato dal Consiglio dei Ministri.

"Sicuramente il testo semplifica molti passaggi e rende più snelli e flessibili tanti aspetti che paralizzavano il sistema degli appalti in Italia. E questa è una cosa positiva perché può contribuire a dare nuovo impulso al comparto. Così come è positivo il ruolo di controllo affidato all'Anac", afferma Galasso che, però, mette in luce anche gli aspetti negativi della riforma.

"Non ci piace la cancellazione del limite del tetto del 30% del subappalto. Un provvedimento che, se non cancellato, avrà un impatto molto pesante sulla qualità del lavoro e sul ciclo delle produzioni. Andremo incontro ad un'ulteriore frammentazione del settore con lavoratori sempre più precari e non tutelati. Insomma, si tratta di scelte legislative che, a Foggia, come in tutta Italia, rischiano di alimentare illegalità e lavoro nero. Senza dare risposte al problema dell'applicazione del contratto degli edili: un elemento che, per noi, resta strategico per dare risposte in materia di legalità, trasparenza e tutela dei lavoratori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre, secondo il segretario della Feneal-Uil di Foggia, "resta aperta la questione dei lavori in house sui quali avevamo chiesto interventi legislativi nella direzione dell'esclusione delle manutenzioni e dei servizi dalle quote di appalto al fine di salvaguardare la stabilità occupazionale. Insomma, se da un lato siamo moderatamente soddisfatti, dall'altro siamo molto preoccupati da una serie di norme che rischiano di favorire infiltrazioni criminali, illegalità e lavoro nero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

  • "Chiudo la movida". Emiliano: "Sono pronto". E nella 'Spaccanapoli' di Foggia assembramenti senza mascherine

Torna su
FoggiaToday è in caricamento