Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il Pd di Lia e l'onda dei civici alla conquista del Parlamento. Emiliano: "Ora state insieme"

 

Il Partito Democratico di Capitanata ha un nuovo segretario. Una donna. Lia Azzarone. E a benedirla è arrivato anche Michele Emiliano ieri, nell'auditorium della Camera di Commercio dove si è tenuta l'assemblea dei delegati. Eletta dal congresso del Partito Democratico, sbaragliando l'area minoritaria Gentile-Calvio (le cui poltrone ieri sono rimaste vuote in segno di protesta degli aventiniani che non riconoscono il congresso e i suoi risultati attendendo per questo gli esiti della commissione nazionale di garanzia), Azzarone ha chiesto rispetto ieri per i tanti che l'hanno votata, militanti Pd che non meriterebbero questo disconoscimento. Appello al quale si è unito Michele Emiliano, accusato di aver gestito il congresso a suo favore, per tramite di Raffaele Piemontese, soprattutto in quel di cerignola, patria della sconfitta Elena Gentile (dato storico, non a caso alla vincente Di Tommaso si è offerta la presidenza dell'assemblea, andata al consigliere comunale cerignolano Daniele Dalessandro).

In contemporanea, a pochi metri, presso l'ente Fiera, il movimento civico di Leonardo Di Gioia inizia la sua fase di strutturazione in tutta la Puglia per diventare un vero e proprio progetto politico. Emiliano va, benedice anche loro, è il suo popolo in fondo, quello che tramite i suoi due assessori regionali foggiani governa ora tutte le leve di comando della Capitanata. È la seconda forza politica in Puglia. Accorrono 188 amministratori, 31 comuni, ci si prepara alle politiche. Leo Di Gioia - che al tavolo sceglie di mettere i tre rappresentanti più autorevoli del civismo comunale, Metta, Tutolo e Miglio- evita di personalizzare la serata, rifugge il tema di una sua candidatura, da più parti sussurrata, ma al Pd, alleato di governo, fanno giungere il messaggio chiaro: in queste elezioni dovrà esserci spazio anche per loro, i civici. Emiliano si fa garante e trait d'union delle due formazioni (che attirano anche curiosi inattesi, tra cui il consigliere, pare ancora di maggioranza, del Comune di Foggia Alfonso Fiore, già Ncd e Civica per la CapitAmata).

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento