La storia della destra è conservata nell'archivio di Pinuccio Tatarella: lo dice il Ministero dei Beni culturali

Nuovo riconoscimento dopo quello conferito alla Biblioteca Tatarella. Carte e documenti per ricostruire una storia politica di cui non esistono archivi o raccolte dedicate

“Dal suo archivio si ricostruirà la storia della destra” era il titolo di un articolo di Gino Agnese, pubblicato su “Il Tempo” il 9 febbraio del ’99, giorno della scomparsa di Pinuccio Tatarella, che ricordava come Tatarella, “apparentemente disordinato era invece accurato, conservava tutto e aveva una memoria fenomenale. Quando si vorrà scrive più puntualmente la storia della destra tra il 1950 ed oggi, e non solo della destra, bisognerà – continuava Agnese – dare un’occhiata alle carte di Tatarella, che collezionò tutta una serie di giornali, giornaletti, riviste, rivistine, volantini e manifesti. E lettere, biglietti e bigliettini, spesso autorevolmente firmati, indirizzati a questo politico prematuramente scomparso, che ben si sarebbe cimentato con le novità del ventunesimo secolo”.

Per questi motivi, dopo la dichiarazione di “eccezionale interesse culturale” per la Biblioteca della Fondazione Tatarella, il Ministero dei Beni e delle Attività culturali ha dichiarato di “interesse storico particolarmente importante” l’Archivio di Pinuccio e Salvatore Tatarella custodito presso la Fondazione Tatarella. Com’è noto non esistono archivi ufficiali dei partiti e movimenti politici ascrivibili alla destra e al centrodestra. A differenza di quanto avvenuto a sinistra, infatti, non esiste un archivio del Msi o di An. Se si eccettua il lavoro svolto in tal senso dalla Fondazione Spirito – De Felice, non c’è nulla finalizzato a tramandare il senso di un impegno politico. Anche la Fondazione AN, che tra i suoi compiti aveva proprio quello di conservare il patrimonio della destra italiana, fino ad oggi ha abdicato a quel ruolo.

Per questi motivi su impulso di Salvatore Tatarella era nata una Fondazione che si richiama alla destra e al centrodestra italiano. Si tratta della Fondazione Giuseppe Tatarella dedicata al padre della destra democratica italiana riferimento di tutto il centrodestra italiano e dei moderati.

Chi ha partecipato, con diversi volontari, alla due giorni di trasloco dell’infinito archivio di Pinuccio Tatarella può testimoniarne la rilevanza dei documenti e dei fascicoli riguardanti politici, personaggi pubblici, argomenti e temi importanti. Interi scatoloni contenenti numerosi faldoni. Per questo, per conservare questo enorme patrimonio politico ed ideale di documenti di Pinuccio Tatarella, ai quali si sono aggiunti quelli del fratello Salvatore, Sindaco, più volte parlamentare europeo, lascito di una vita intera dedicata alla politica e alle istituzioni, e per mantenere vivo il suo insegnamento politico anche al fine tramandarlo alle future generazioni è nata a Bari la “Fondazione Giuseppe Tatarella” intitolata all’Onorevole Giuseppe “Pinuccio” Tatarella (1935-1999) già Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Poste e Telecomunicazioni,  fiero esponente del meridionalismo missino, padre nobile e costruttore di Alleanza Nazionale, teorico di una idea inclusiva e dialogante del centrodestra italiano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Natale senza lavoro, dramma non ha soluzione. Russo (Sanitaservice) alza le mani: "Obbligati a fare i concorsi"

  • Cronaca

    "Terremoto" giudiziario a Carpino: blitz dei carabinieri all'alba, dipendenti comunali arrestati per assenteismo

  • Cronaca

    Un aiuto per Francesca, la bambina affetta da un tumore al rene sinistro: "Vi prego, abbiamo bisogno di voi"

  • Cronaca

    Pesante condanna: sei anni al 30enne foggiano della banda del bancomat, incastrato da una traccia di sangue

I più letti della settimana

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Tifoso della Cremonese in viaggio verso Foggia, muore colpito da un malore: tragedia nei pressi di San Severo

  • Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Attimi di paura in un bar di via Nedo Nadi: rapinatore armato va via col malloppo sparando due colpi a salve

  • Muore prima di giungere allo stadio, Foggia omaggia Federico. La Cremonese: “Grazie di cuore”

  • Prima la bomba a base di dinamite, poi la pretesa di 50mila euro: arrestato "La tigre del Gargano"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento