La storia della destra è conservata nell'archivio di Pinuccio Tatarella: lo dice il Ministero dei Beni culturali

Nuovo riconoscimento dopo quello conferito alla Biblioteca Tatarella. Carte e documenti per ricostruire una storia politica di cui non esistono archivi o raccolte dedicate

“Dal suo archivio si ricostruirà la storia della destra” era il titolo di un articolo di Gino Agnese, pubblicato su “Il Tempo” il 9 febbraio del ’99, giorno della scomparsa di Pinuccio Tatarella, che ricordava come Tatarella, “apparentemente disordinato era invece accurato, conservava tutto e aveva una memoria fenomenale. Quando si vorrà scrive più puntualmente la storia della destra tra il 1950 ed oggi, e non solo della destra, bisognerà – continuava Agnese – dare un’occhiata alle carte di Tatarella, che collezionò tutta una serie di giornali, giornaletti, riviste, rivistine, volantini e manifesti. E lettere, biglietti e bigliettini, spesso autorevolmente firmati, indirizzati a questo politico prematuramente scomparso, che ben si sarebbe cimentato con le novità del ventunesimo secolo”.

Per questi motivi, dopo la dichiarazione di “eccezionale interesse culturale” per la Biblioteca della Fondazione Tatarella, il Ministero dei Beni e delle Attività culturali ha dichiarato di “interesse storico particolarmente importante” l’Archivio di Pinuccio e Salvatore Tatarella custodito presso la Fondazione Tatarella. Com’è noto non esistono archivi ufficiali dei partiti e movimenti politici ascrivibili alla destra e al centrodestra. A differenza di quanto avvenuto a sinistra, infatti, non esiste un archivio del Msi o di An. Se si eccettua il lavoro svolto in tal senso dalla Fondazione Spirito – De Felice, non c’è nulla finalizzato a tramandare il senso di un impegno politico. Anche la Fondazione AN, che tra i suoi compiti aveva proprio quello di conservare il patrimonio della destra italiana, fino ad oggi ha abdicato a quel ruolo.

Per questi motivi su impulso di Salvatore Tatarella era nata una Fondazione che si richiama alla destra e al centrodestra italiano. Si tratta della Fondazione Giuseppe Tatarella dedicata al padre della destra democratica italiana riferimento di tutto il centrodestra italiano e dei moderati.

Chi ha partecipato, con diversi volontari, alla due giorni di trasloco dell’infinito archivio di Pinuccio Tatarella può testimoniarne la rilevanza dei documenti e dei fascicoli riguardanti politici, personaggi pubblici, argomenti e temi importanti. Interi scatoloni contenenti numerosi faldoni. Per questo, per conservare questo enorme patrimonio politico ed ideale di documenti di Pinuccio Tatarella, ai quali si sono aggiunti quelli del fratello Salvatore, Sindaco, più volte parlamentare europeo, lascito di una vita intera dedicata alla politica e alle istituzioni, e per mantenere vivo il suo insegnamento politico anche al fine tramandarlo alle future generazioni è nata a Bari la “Fondazione Giuseppe Tatarella” intitolata all’Onorevole Giuseppe “Pinuccio” Tatarella (1935-1999) già Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Poste e Telecomunicazioni,  fiero esponente del meridionalismo missino, padre nobile e costruttore di Alleanza Nazionale, teorico di una idea inclusiva e dialogante del centrodestra italiano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzo aggredito all'esterno del Domus: la polizia arresta un addetto alla sicurezza

  • Cronaca

    Armati di mazza e pistola, irrompono nella sala scommesse e fuggono con 5mila euro

  • Cronaca

    Col suo furgone trasportava braccianti negli uliveti: arrestato 'caporale'

  • Cronaca

    Ematomi sul viso e quell’oggetto metallico nella mandibola: è giallo sul 18enne aggredito dopo la discoteca

I più letti della settimana

  • Tragico incidente stradale sul Gargano: muoiono donna e bambina di pochi mesi, cinque i feriti

  • Rivelazioni, intercettazioni e telecamere: ricostruita la mattanza di San Marco, arrestato Giovanni Caterino

  • Diciottenne aggredito all'esterno di una discoteca, a Foggia: è in prognosi riservata

  • Strage di mafia a San Marco Lamis: partecipò all'agguato, preso uno degli assassini dei fratelli Luciani e del boss Romito

  • Innocenti uccisi "per fare piacere a sti bastardi" e quella "telecamera" che ha inchiodato Caterino

  • Tragedia nel Brindisino: 42enne di Foggia perde la vita in un incidente stradale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento