Al via lo storico pellegrinaggio da Castelluccio dei Sauri al Santuario dell'Incoronata

Quest'anno è un anno particolare: il pellegrinaggio cade il 29 aprile, e 58 anni fa, nello stesso giorno, alcuni fedeli sopra un autocarro Fiat 642 furono spazzati via da un autotreno. Le vittime furono nove: il pellegrinaggio sarà alla loro memoria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

In occasione della solennità annuale dell'apparizione della Beata Vergine Incoronata di Foggia - prenderà il via lo storico pellegrinaggio notturno a piedi da Castelluccio dei Sauri al Santuario dell'Incoronata di Foggia.

La devozione popolare del nostro paese per la Madonna dell'Incoronata è molto antica e ancora oggi praticata con grande fervore da tutti i fedeli, soprattutto nell'ultimo sabato di aprile, quando ci si reca in pellegrinaggio a piedi al santuario dell'Incoronata.

Quest'anno è un anno particolare per i fedeli di Castelluccio dei Sauri perché nel lontano aprile del 1958 esattamente il giorno 29 aprile (stessa data che ricorre quest'anno) alcuni fedeli sopra un autocarro Fiat 642 al bivio della morte tra Ordona e Castelluccio, furono spazzati via da un autotreno proveniente da Foggia.

Le vittime di questa tragedia furono nove: Gerardo Pezzano - Michele Pezzano fu Tonino e Michele Pezzano fu Salvatore - Matilde Manzo - Immacolata Antonaccio - Anna Leone - Maria Sofia Toto - Lucia Giannetta - Eusebia di Monteleone di Puglia. Quest'anno ricorrono cinquantotto anni dal quel tragico evento di quel 29 aprile 1958.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento