Nasi rossi e camici colorati in carcere: pomeriggio di gioia con i clown de ‘Il Cuore’ onlus

A Foggia i clown dottori hanno trascorso oltre un’ora con i detenuti e le loro famiglie, con il sostegno del CSV Foggia

L’allegria incontenibile dei clown dottori de Il Cuore Foggia ha colorato anche le pareti del teatro della Casa Circondariale. Sedici nasi rossi, con i loro camici colorati, il 3 gennaio hanno invaso il carcere foggiano per animare un pomeriggio speciale, con il coinvolgimento di 12 detenuti del “Nuovo complesso” e delle loro famiglie. Per oltre un’ora hanno danzato, cantato e coinvolto grandi e piccini, dai 2 ai 10 anni, in giochi e attività divertenti. Il pomeriggio si aperto, insieme con il sipario, sulle note di Jingle Bells. In sottofondo, il battito di mani e le risate dei bambini che hanno potuto conoscere, uno per uno, i clown dottori e la loro mascotte, “Biscottone”, che ha distribuito palloncini e caramelle.

“Siamo felici ed emozionati di essere qui – ha spiegato la ‘mamma clown’ e presidente dell’associazione, Jole Figurella – speriamo di poter regalare in questo pomeriggio qualche sorriso in più”. Entusiasti i detenuti, che hanno potuto stringere per tutto il tempo i propri bambini, ascoltarli recitare poesie di Natale e guardarli esibirsi in balletti e giochi insieme ai clown dottori.

"L’obiettivo dell’idea progettuale è stato quello di favorire tra i detenuti e i loro bambini una forma di rieducazione affettiva e sviluppare la genitorialità talvolta assopita, a causa delle lunghe separazioni tra padri e figli – spiegano i responsabili dell’associazione - Il clown dottore diventa uno strumento per sdrammatizzare i vissuti, perché la forza del naso rosso è rompere ogni tipo di schema e scardinare le convinzioni sociali”.

L’inserimento dei clown dottori all’interno degli Istituti Penitenziari, infatti, ha lo scopo di portare un effettivo supporto ai soggetti detenuti, che vivono in primis situazioni di solitudine familiare. Ciascun clown ha portato con sé competenze artistiche e di gioco, ma anche professionali, come la conoscenza sociale e pedagogica degli adulti detenuti e dei minori.

L’iniziativa de Il Cuore è stata organizzata in collaborazione con il CSV Foggia, nell’ambito dell’Avviso “Iniziative di Solidarietà in Carcere – Natale 2017”, pensato proprio per alleggerire un periodo in cui la lontananza dagli affetti si fa più pesante per la popolazione detenuta.
“Fine dell’Avviso, pubblicato con il sostegno della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia – spiegano dal Centro Servizi al Volontariato – è stato quello di promuovere l’impegno delle associazioni di volontariato all’interno del carcere, al fine di contribuire alla finalità rieducativa dell’esecuzione della pena. L’idea è stata quella di fornire, attraverso il volontariato, un supporto concreto ai detenuti che trascorrono le festività natalizie in carcere, con particolare attenzione ai ristretti con scarsi riferimenti familiari e affettivi, tali da determinare una condizione di maggior solitudine o che versano in stato di profonda indigenza”.

Nell’Istituto foggiano è stato finanziato anche un progetto all’ARCI Solidarietà, che ha visto l’istituzione un fondo solidale. Le risorse economiche sono state depositate su un conto corrente dedicato dell’associazione che lo verserà al Carcere. Dal conto dedicato presso l’Ufficio Ragioneria della Casa Circondariale saranno movimentate, di volta in volta, le somme da destinare ai detenuti, con il consenso delle autorità carcerarie.

Nel Carcere di San Severo, invece, sono stati realizzati progetti natalizi delle associazioni Superamento Handicap e FIDAS Dauna; nell’Istituto di Lucera, un’attività dell’Ass. Lavori in Corso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Vieste macchiata di sangue: dall'uccisione di 'Cintaridd' ad oggi, tre anni e mezzo di agguati e omicidi

  • Cronaca

    Agguato a Vieste, ancora sangue nella città del faro: un morto e un ferito

  • Cronaca

    Seu: proseguono campionamenti e controlli dopo la morte della bimba di 13 mesi

  • Sport

    Il Bari chiede di giocare allo Zaccheria: il Prefetto dice 'no' (motivi di ordine pubblico)

I più letti della settimana

  • Bimba di 13 mesi affetta da SEU, convocata l’Unità di crisi della ASL Foggia: i consigli e le raccomandazioni

  • E' morta la bimba di Lucera affetta da SEU

  • Bimba di 13 mesi affetta da Seu ricoverata d'urgenza a Bari: è grave

  • Incidente mortale a Vico del Gargano, motociclista investe cavallo e muore sul colpo: aveva 24 anni

  • Si spezza gancio traino, auto "schizza" nella corsia di marcia opposta: muore 24enne

  • Buon viaggio Domenico, ci mancherai...

Torna su
FoggiaToday è in caricamento