Carpino Folk Festival: Mariano Iorio vince l’11esima edizione del concorso fotografico

Il punteggio è stato ottenuto sommando i voti della giuria popolare con quelli della giuria tecnica. I premi saranno consegnati nella prossima edizione del Carpino Folk. Intanto per l'edizione 2018 raccolti grandi risultati con un impatto economico di un milione e 400mila euro

La foto vincitrice del concorso

E' Mariano Iorio il vincitore della 11.ma edizione del Premio Rocco Draicchio, concorso fotografico abbinato al 23° Carpino Folk Festival; secondo classificato Pasquale D'Apolito. Il punteggio è stato ottenuto sommando i voti della giuria popolare (circa 6mila con un peso del 30%) con quelli della giuria tecnica (con un peso del 70%). I premi (800 euro al primo, 200 al secondo) saranno consegnati nella prossima edizione del "Carpino Folk Festival" in programma nell'agosto 2019.

«Dall'Associazione Culturale Carpino Folk Festival – commenta il presidente Pasquale Di Viesti - un ringraziamento va tutti i giurati e ai partecipanti. Ai vincitori vanno invece i complimenti per aver saputo interpretare al meglio lo spirito del Carpino Folk Festival 2018. Input che trova nel Concorso fotografico un grande happening per esaltare il backstage naturale del Festival, con i suoi protagonisti, i suoi momenti, sul palco e sulla piazza. Scatti che ci permettono di vivere l'"altro" Festival, fatto di momenti, passioni, lavoro...». La giuria tecnica era composta da alcuni vincitori delle scorse edizioni del concorso Rocco Draicchio: Daniele Bisceglia, Giovanni Pernice, Fabrizio Pizzulo, Tony Esposito e Bartolomeo Ciavarella

Il Concorso per "fotografare" la 23.ma edizione del Festival del Gargano: musica, tradizioni popolari, culture ed enogastronomia. C’è stato questo e molto altro al Carpino Folk Festival 2018, svoltosi dal 6 all’11 agosto a Carpino. In 6 giorni, 18 spettacoli dal vivo, 120 artisti, tanti interpreti della tradizione del Gargano, molta contaminazione, ospiti internazionali, progetti speciali, laboratori musicali e oltre 47mila presenze interne ed esterne con un impatto economico diretto quantificato in oltre un milione e 400mila euro a fronte di un budget di circa 140mila euro speso nell’organizzazione. Ogni euro, quindi, investito nell’evento produce almeno 10,20 euro di spesa dei visitatori. Un trend che poche "imprese" in Italia possono produrre.

Una manifestazione basata unicamente sul volontariato giovanile, organizzato da operatori del mondo dello spettacolo e semplici appassionati che lavorano alla sua riuscita per il solo piacere di farlo e senza scopo di lucro: unico obiettivo divertire valorizzando il territorio e le sue eccellenze con la cultura della musica popolare. Ma anche mobilità con le tre serate dedicate al “Cantar Viaggiando” sui convogli di Ferrovie del Gargano che, con un grande sforzo organizzativo, hanno messo a disposizione treni e bus straordinari per il rientro post concerti a San Severo, Apricena, San Nicandro e nelle località turistiche della costa come Rodi, San Menaio, Peschici, Vico, Ischitella e Vieste.

Potrebbe interessarti

  • Proprietà e benefici dei lupini

  • Rimedi naturali per pulire la piastra del ferro da stiro

  • Le bracerie a Foggia: i posti giusti per gli amanti della carne

  • Cosa fare in caso di puntura da medusa?

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato sulla SP 66: le telecamere riprendono la vittima mentre riempie la tanica di benzina con cui si è data fuoco

  • Incidente mortale tra San Severo e Apricena, violento scontro tra auto e tir: purtroppo c'è una vittima

  • Il mare della Puglia è il terzo più bello d'Italia: quello di Vieste, Mattinata, Tremiti e Monte premiato con 4 vele

  • Tragedia nelle campagne del Foggiano: bracciante agricolo muore schiacciato da un trattore

  • Esplode silos in azienda cereagricola: paura ad Ascoli Satriano

  • Attimi di paura in ospedale: violento irrompe in Pronto Soccorso, aggredisce infermiere e lancia in aria pc e defibrillatore

Torna su
FoggiaToday è in caricamento