Canile comunale: spunta l’interessamento di Doemi, individuata area ma il confronto è aperto

Il Comune di Foggia ha messo a disposizione cinque ettari di via Sprecacenere. A Largo Raggio e D'Onofrio hanno l'idea di progetto di finanza. Roberto: "Aperti alle proposte delle associazioni"

Immagine d'archivio

Si terrà domani mattina l'ennesimo incontro con le associazioni animaliste chiamate a contribuire, assieme al Comune di Foggia, allo scioglimento della intricata matassa relativa al canile comunale. L'assessore Erminia Roberto, attraverso Foggiatoday, fa sapere di aspettarsi dagli interlocutori una soluzione di medio periodo che possa aiutare a superare il momento di impasse.

A Largo Raggio: "Proroga unica gestione percorribile"

Canile comunale: ecco la situazione

Come noto, infatti, il canile di via Manfredonia non è norma e sconta i sigilli della Procura dal settembre 2016, anche se con facoltà d'uso affidata all'associazione a Largo Raggio di Anna Laura Pagliara, poi prorogata dal servizio Politiche sociali con determinazione dirigenziale 153/2017 fino al 31 dicembre 2017. Ancora una ventina di giorni, dunque, e i cani non si sa che fine faranno. Il tema è stata molto dibattuto in questi giorni, diversi gli incontri tra amministrazione comunale ed associazioni animaliste, con tanto di levate di scudi contro il trasferimento degli animali fuori città: a Vieste in un primo momento, poi addirittura a Trani all'esito di una manifestazione di interesse che fece registrare una sola proposta fuori provincia (e pertanto fuori Asl, soluzione vietata per legge regionale).

Il progetto di project financig

Che fare? Il Comune di Foggia ha avviato - con molto ritardo - l'iter per la costruzione di un nuovo canile attraverso la formula del project financing, mettendo a disposizione quattro giorni fa (con delibera di giunta comunale n.135 del 1 dicembre) cinque ettari di terreno comunale in via Sprecacenere. La soluzione giunge all'esito della presentazione nell'ottobre scorso di un'idea di progetto di finanza presentato dall'associazione a Largo Raggio assieme al Biscottificio D'Onofrio di via Manfredonia (Doemi per intenderci). Dopo le valutazioni di conformità dell'istanza, il progetto dovrà andare a gara. Serve insomma del tempo.

L'invito di Roberto alle associazioni

Nel frattempo il Comune di Foggia, attraverso la succitata delibera, ha aperto anche a proposte alternative di privati su terreni alternativi. L'iter è complesso. "Nelle more siamo aperti alle proposte delle associazioni domani" dichiara Roberto a Foggiatoday, "siamo tutti interessati alla cura e alla tutela degli animali, quindi mi aspetto che anche loro si mettano insieme e di concerto ci prospettino una via da percorrere". Un modo per scaricare le responsabilità sulle associazioni? O una maniera, democratica, di individuare percorsi quanto più possibile partecipati? Di certo c'è una sorta di messa alla prova delle associazioni anche, chiamate a deporre l'ascia di guerra e a fare fronte comune ora, mettendo da parte gli interessi dei singoli per favorire il bene degli animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Violenti scontri nel Foggiano: tafferugli tra baresi e leccesi sulla A16, incendiato un veicolo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento