Vico del Gargano, ecco il nuovo PUG atteso da 44 anni

Approvato il Piano Urbanistico Generale, Sementino: “Sbloccato il futuro della città”

Il Comune di Vico del Gargano

L’ultimo strumento urbanistico vigente per Vico del Gargano risaliva al 1974, vale a dire a 44 anni fa. Giovedì 10 maggio 2018, il Consiglio comunale ha approvato il nuovo PUG, Piano Urbanistico Generale.

“Avevo promesso che avrei continuato il lavoro iniziato 10 anni fa dal sindaco Luigi Damiani e così è stato: oggi, dopo un lavoro poderoso, complesso e estremamente attento, condotto e condiviso con l’assessore all’Urbanistica Massimo Fiorentino e gli uffici comunali competenti, in un continuo confronto con gli attori sociali, culturali e imprenditoriali della città, siamo riusciti a centrare un risultato che segna una svolta storica per il futuro della città e di tutto l’ampio territorio di Vico del Gargano”, ha dichiarato il sindaco Michele Sementino, esprimendo tutta la sua soddisfazione. “E’ un risultato storico che è stato reso possibile grazie a tutti i componenti della maggioranza, capaci di sostenere e condividere con coerenza e impegno tutto l’iter con un unico obiettivo: l’interesse della collettività”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quali saranno le conseguenze pratiche, concrete, dell’approvazione del nuovo PUG? Una su tutte: d’ora in poi, Vico del Gargano – con il suo vasto territorio che comprende borgo, aree rurali, San Menaio e Calenella oltre alla Foresta Umbra – ha uno strumento di programmazione che ha analizzato a fondo esigenze, problematiche e potenzialità per affrontarle strutturalmente, dando uno sbocco e una direzione certa allo sviluppo. “E’ una svolta”, dichiara Sementino. “Abbiamo il PUG più innovativo e moderno di tutta la Capitanata”. Il criterio di fondo che ha ispirato tutto il Piano è quello di affrontare organicamente le necessità della città plurale capace letteralmente di offrire mari e monti, oltre a un borgo e a zone rurali di grandissimo pregio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Tragedia alle porte di Foggia: violento schianto contro il muro di una villa, muore 50enne di Orsara

  • Tragedia sfiorata in mare: madre e figlio rischiano di annegare, militare si lancia in acqua e li salva

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Incidente sulla Statale 16, scontro frontale tra due auto: cinque feriti

  • Morsa da un rettile mentre è al lavoro nei campi. Corsa in ospedale per una giovane bracciante: "Era sopraffatta dal dolore"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento