Pesca illegale, imbarcazione viola il fermo biologico nel Gargano: Guarda Costiera sequestra 120 kg di pesce e li dona ai più bisognosi

Durante l'ispezione a bordo, la Guardia Costiera ha rinvenuto oltre 120 kg di prodotto ittico (moscardini, gamberetti, totani e triglie) pescato illegalmente, sequestrato e devoluto in beneficenza ad un istituto caritatevole

Immagine di repertorio

Motopeschereccio sorpreso durate una battuta di pesca a strascico non autorizzata, a largo di Vieste. E' quanto scoperto, nella serata di ieri, 29 agosto, sul Gargano, durante una vasta operazione che ha visto impegnati i militari della Guardia Costiera, coordinati dal 6° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, volta a contrastare il fenomeno della pesca a strascico durante il fermo biologico lungo le coste.

L’operazione, che ha visto coinvolti l’elicottero Nemo e mezzi navali della Guardia Costiera, dopo un’accurata attività informativa e investigativa, ha permesso di individuare nelle acque a largo di Vieste un motopeschereccio della marineria di Bisceglie nell’atto di effettuare una battuta di pesca a strascico non autorizzata, in aperta violazione delle norme in vigore che disciplinano il ripopolamento della fauna ittica con l’effettuazione di un arresto temporaneo obbligatorio di tale tipologia di pesca, meglio conosciuto come fermo pesca biologico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il peschereccio, nonostante avesse preso apparentemente il mare con a bordo unicamente attrezzi per la pesca con il palangaro, stava effettuando la pesca a strascico con divergenti e rete in acqua: rete che probabilmente doveva aver recuperato al largo in un punto ben preciso, sostenuta da galleggianti. Al motopesca intercettato sono stati contestati diversi illeciti di natura amministrativa, e comminate sanzioni per un totale di 15.000 euro.  Dopo un’accurata ispezione a bordo, i militari hanno rinvenuto un quantitativo di oltre 120 kg di prodotto ittico (moscardini, gamberetti, totani e triglie) pescato in tal modo illegalmente, posto sotto sequestro e devoluto in beneficenza ad un istituto caritatevole di Vieste in quanto giudicato idoneo al consumo umano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento