Autisti della Sita sul piede di guerra, in sciopero contro l’azienda: “Basta ricatti”

Quattro ore di sciopero contro l'azienda di trasporti in merito alle residenze provvisorie, all'imposizione senza controllo delle corse bis e all'esternalizzazione del servizio

Quattro ore di sciopero davanti alla sede di via Montegrappa: ieri mattina gli autisti della Sita Sud iscritti ai sindacati Faisa Cisal e Ugl Trasporti di Foggia, hanno manifestato contro l'azienda di trasporti, accusata di essersi sottratta al dialogo relativamente ad alcune problematiche sollevate dal personale dipendente, ma non ancora affrontate o risolte. “No residenze provvisorie, basta ricatti”, “Diritti più dignità è uguale rispetto”, “No esternalizzare, più sicurezza” sono gli slogan che hanno fatto da cornice a una protesta pacifica, dove in alcuni momenti hanno prevalso rabbia ed esasperazione. E sono volate parole grosse: da “vergogna” a “conigli”.

Allo sciopero e al sit-in avrebbero aderito anche rappresentanti e lavoratori appartenenti ad altre sigle sindacali; segno del malcontento, evidente, di chi - tra i dipendenti - non approva il trattamento sulle 'residenze provvisorie' che l'azienda riserverebbe soprattutto ai più giovani (due i casi avvenuti nei giorni scorsi), la mancanza di un equo trattamento economico delle trasferte; o di chi contesta le agevolazioni dal punto di vista economico e lavorativo che Sita Sud riserverebbe a parte del personale; o ancora l’imposizione senza nessun controllo delle corse “bis” e soprattutto l'esternalizzazione del servizio a Fini Viaggi e Metauro.

Infatti, sembrerebbe che i dipendenti delle due compagnie che subappaltano il servizio, non indossino la divisa ufficiale, non effettuino le visite mediche all'ispettorato del lavoro di Bari e ricoprano dei turni che non rientrano nel Contratto collettivo nazionale di lavoro, effettuando peraltro corse oltre l'orario consentito. Due incontri, il primo in azienda e l’altro in Prefettura, non sono serviti a ricucire lo strappo tra le parti. Ecco perchè ieri mattina, dalle 9.30 alle 12.30, gli autisti appartenenti alle due segreterie territoriali - di Giovanni Tancredi per la Faisa Cisal e Filippo Cavalli per l’Ugl Trasporti - hanno incrociato le braccia. Il muro contro muro continua.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Il folle gesto di Ciro, poliziotto penitenziario "taciturno e riservato". Capone: "Non si è mai confidato con noi"

  • ULTIMA ORA | Torna a casa Francesco Pio Virgilio, il 15enne era scomparso da quasi 48 ore

Torna su
FoggiaToday è in caricamento