E' caccia aperta agli sporcaccioni: videotrappole incastrano i 20 che buttavano i rifiuti tra San Marco e San Nicandro

Pizzicati e multati 20 trasgressori che abbandonavano i rifiuti lungo una piazzola di sosta sulla Sp 48 tra San Marco in Lamis e San Nicandro Garganico, grazie ai militari della Stazione Carabinieri Parco del posto

I trasgressori

Nell’ambito dell’attività istituzionale di contrasto e repressione di deposito e abbandono incontrollato di rifiuti, i militari della Stazione Carabinieri Parco di San Nicandro Garganico hanno posto in essere una consistente attività di accertamento diretta ad identificare e sanzionare gli autori di tali comportamenti illeciti che segnano in modo inqualificabile il degrado in cui versa, purtroppo, parte del nostro territorio.

Mediante l’ausilio di apparati video appositamente occultati è stato possibile cristallizzare, in modo inequivocabile, il pessimo comportamento di una vasta fascia di cittadini che con le più svariate modalità si disfano di rifiuti prodotti in ambito urbano. 

Con tale attività è stato monitorato, in particolare, una piazzola di sosta lungo la strada provinciale 48 tra San Marco in Lamis e San Nicandro Garganico (Zona 2 del Parco Nazionale del Gargano), abitualmente utilizzata per l’illecito deposito e abbandono di rifiuti. 

I militari sono stati impegnati nella visualizzazione di oltre 400 ore di riprese video e nelle connesse operazioni sanzionatorie, che hanno colpito 20 trasgressori (alcuni dei quali sorpresi più volte a commettere l’azione antigiuridica), con l’elevazione di sanzioni per oltre 15mila euro, in soli trenta giorni di attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operazione è ancora in corso di svolgimento con numerosi sistemi di videosorveglianza occultati e posizionati nei luoghi strategici per contrastare tali incivili gesti, non accettabili in una società ecosostenibile nella quale le uniche pratiche ammissibili sono rappresentate dalla raccolta differenziata, dal riciclo e dalla corretta gestione dei rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Tragedia sfiorata in mare: madre e figlio rischiano di annegare, militare si lancia in acqua e li salva

  • Morsa da un rettile mentre è al lavoro nei campi. Corsa in ospedale per una giovane bracciante: "Era sopraffatta dal dolore"

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Assalto paramilitare al blindato portavalori della Cosmopol: sgominata la banda, arresti anche nel Foggiano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento