Emergenza sicurezza. Piemontese: “I Comuni si occupino dei ‘tifosi della malavita’"

Le sollecitazioni del segretario provinciale del Partito Democratico di Foggia in merito allo stillicidio di notizie sulle attività criminali: Basta polemiche, servono convergenze”

Raffaele Piemontese

“La sicurezza delle nostre città è un tema serio su cui costruire convergenze politiche e amministrative invece che attivare polemiche”. Lo afferma il segretario provinciale del Partito Democratico di Foggia, Raffaele Piemontese inserendosi nel dibattito provocato “dal quotidiano stillicidio di notizie sulle attività criminali e dai commenti diffusi alla stampa”.

“Se ragionassi come qualcuno della destra sanseverese, che attacca strumentalmente il neo assessore Michele Emiliano – continua Piemontese – dovrei evocare chissà quali responsabilità del sindaco Landella per i due attentati dinamitardi della scorsa settimana e per i numerosissimi furti in appartamento. Non lo faccio per due ragioni: in primo luogo perché su tale materia le competenze e le responsabilità delle Amministrazioni comunali sono assai limitate, in secondo luogo perché la delicata situazione merita una strategia ampiamente condivisa di contrasto e prevenzione della criminalità e della mafia tra le forze politiche e le istituzioni territoriali e statali”.

“Il compito dei Comuni, io credo, sia quello di impegnarsi a fondo sul fronte sociale nelle zone delle nostre città in cui sono crescenti i ‘tifosi della malavita’: ragazze e ragazzi che apprezzano il codice d’onore criminale, che pensano allo spaccio di droghe o al racket come ad attività più dignitose di tante altre legali. Bisogna contrastare l’illegalità diffusa, senza avere riguardo alla geografia elettorale dei quartieri cittadini, ed evitare l’adozione di ‘ordinanze spot’, che nulla aggiungono alle tante leggi già in vigore e che producono sfiducia nei cittadini quando emerge la loro inutilità pratica. Soprattutto, è indispensabile tenere assai lontani dai luoghi istituzionali persone ed interessi riconducibili alla criminalità, organizzata e non, per scongiurare compromissioni anche involontarie con gli ambienti in cui si radica la cultura dell’illegalità”.

“Nella recente campagna elettorale, i giovani candidati del PD foggiano hanno lanciato alcune proposte operative per incentivare, anche economicamente, la ribellione al racket e la denuncia delle intimidazioni: sgravi fiscali per 5 anni a commercianti e imprenditori che denunciano gli estorsori; protocolli d’intesa con gli istituti di credito per congelare le esposizioni degli imprenditori che denunciano il racket e prestare garanzie per rilanciare l’attività imprenditoriale. Siamo a disposizione di chiunque le voglia discutere ed adottare; di chiunque – conclude Raffaele Piemontese – abbia voglia di cimentarsi davvero con il tema della sicurezza urbana e non abbia come unico scopo quello di lavarsi la coscienza con la rituale richiesta di più uomini e mezzi o di prendere a pretesto bombe e rapine per attaccare il sindaco e l’assessore di turno”.

Potrebbe interessarti

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • Ultim'ora | Shock in via Tiro a Segno, a Cerignola: auto investe sei adolescenti, due sono gravissimi

  • Cerignola in angoscia per i sei ragazzini investiti: falciati da un'auto sul 'circuito', due sono in rianimazione. Metta: "Preghiamo"

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

Torna su
FoggiaToday è in caricamento