Occupano la casa di un turista e creano un allaccio abusivo della rete elettrica: arrestati

Maria Facalet Catalin-Marcel Sindila, entrambi cittadini rumeni, sono stati arrestati a Vieste, per furto aggravato e continuato di corrente elettrica occupando abusivamente l'abitazione estiva di un cittadino tedesco, dopo la segnalazione di quest'ultimo

Si chiamano Maria Facalet, di 37 anni, e Catalin-Marcel Sindila, di 32, entrambi cittadini rumeni, le due persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, nello specifico quelli della Tenenza di Vieste. L’accusa è quella di furto aggravato e continuato in concorso, posto in essere, peraltro, occupando abusivamente l’abitazione estiva di Vieste di un cittadino tedesco.

Ed è proprio su esplicita richiesta di quest’ultimo, che si è reso necessario l’intervento dei militari dopo che l’uomo aveva riferito che l’abitazione fosse stata occupata abusivamente in sua assenza. Giunti sul posto, infatti, i militari si sono imbattuti nei due rumeni, i quali, alla richiesta di spiegazioni circa la loro presenza, hanno risposto di risiedere presso l’abitazione da circa un anno, e che l’avrebbero presto lasciata.

Durante il sopralluogo, però, i Carabinieri hanno notato l’assenza del contatore dell’energia elettrica, mentre tutti gli elettrodomestici, oltre all’illuminazione, erano accesi e in uso. A quel punto è stato richiesto subito l’intervento del personale dell’Enel il quale ha subito constatato la natura abusiva dell’allaccio che consentiva l’arrivo della corrente. Alla luce di quanto emerso, i due rumeni sono quindi stati dichiarati in arresto per furto continuato di energia elettrica in concorso e l’abitazione, finalmente, restituita al legittimo proprietario.

I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso un connazionale in attesa di giudizio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento