menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

E’ morto Paolo List, l’ex terzino destro del Foggia ucciso dalla Sla

Con il Foggia di Zeman conquistò la promozione in serie A. Giocò anche nel Bologna. Il cordoglio della società rossonera. Aveva 53 anni

In campo giocava da terzino destro. Un giocatore di corsa, qualità che ne ha contraddistinto la carriera, dagli esordi di Pergocrema in C1, all’ultima stagione a Palazzolo, esattamente 20 stagioni fa, quando decise di lasciare il calcio a soli 33 anni.

La corsa… le sgroppate sulla fascia. Le gambe. Paralizzate progressivamente insieme a tutti i muscoli, da quella dannata malattia, dall’acronimo inquietante: S.L.A. La “Stronza”, come la chiamava con fiera voglia di vivere Stefano Borgonovo. Stronza ogni volta che miete una nuova vittima. L’ultima si chiama Paolo List, per i nostalgici era il 2 del Foggia di Caramanno prima, di Zeman poi. Protagonista negli anni in cui si posavano i primi mattoni per l’edificazione di Zemanlandia.

Arrivò a Foggia nell’83. Due stagioni in C1 e 57 presenze con un gol. Poi le parentesi di Jesi e Monopoli, prima di far ritorno in Capitanata. Stagione 1988/89, quella che sancì la promozione in Serie B, categoria che Foggia non conosce più da diciotto anni. Con la maglia rossonera giocherà anche le due successive stagioni (saranno 102 le gare collezionate) nella serie Cadetta.

Quella “interlocutoria” post promozione, in cui centrerà la porta 4 volte in 34 apparizioni, e quella esaltante del 1990/91, dell’accesso nella massima serie, conquistata ma mai assaporata. Lo attendeva il Bologna prima del congedo a Palazzolo, non molto distante da casa. A Ripalta Cremasca aprirà un bar, senza abbandonare del tutto il calcio (porterà la Ripaltese dalla Terza alla Seconda Categoria).

Nella notte tra domenica e lunedì, l’epilogo. Aveva solo 53 anni. La società rossonera lo ricorda così: “Schivo e riservato, se n’è andato in silenzio e senza clamori così come era stato in vita. Noi del Foggia Calcio non possiamo che salutarlo così come lo salutavano i suoi tifosi: Ciao Paolo, Paolo, Paolo, Paolo List, List”.  

Potrebbe interessarti

Commenti (5)

  • Il Foggia vinse a Modena 1-3. Il Resto del Carlino definì Paolo List "un pezzo di Marcantonio" tanto era la sua bravura e fisicità in campo. Un grande dolore per una tragedia che mette inquietudine relativamente alle sue cause. Addio, "Marcantonio".

  • lo ricordo bene. condoiglianze alla famiglia

  • Avatar di LV
    LV

    Ciao Paolo bravissimo atleta e soprattutto uomo. Spero che la società lo onori almeno cn un minuto di raccoglimento domani sera in Coppa Italia per fargli risentire x 1 min. Paolo Paolo Paolo Paolo Paolo LIST ciao

  • Grande terzino...riposa in pace campione!

  • Riposa in pace.....Paolo.....

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Shock a Manfredonia: trovato cadavere in spiaggia

  • Incidenti stradali

    Perde il controllo dell'auto e si schianta in piazza Cavour

  • Sport

    Telenorba trasmetterà Lecce-Foggia, semifinale d’andata dei playoff

  • Cronaca

    Aggrediti tifosi del Foggia: pietre e bottiglie in un’area di servizio a Bari

Torna su