Auto si schianta per evitare scontro, autista dell'Ataf presta soccorso ma viene pestato a sangue

Un'auto con a bordo una donna, nel tentativo di schivare l'autobus, si è schiantata contro un muro. Il conducente è sceso dal mezzo per sincerarsi delle condizione della signora, ma sono sopraggiunti due soggetti che lo hanno picchiato

"Ennesima barbarie" perpetrata nei confronti di un conducente dell'Ataf (oggi a bordo della linea 14), selvaggiamente aggredito e pestato da uno o due soggetti giunti nei minuti successivi a un incidente stradale avvenuto intorno alle 9.40 nelle vicinanze di un residence di via San Severo.

L'inaudita violenza dei colpi ricevuti, ha causato alla vittima "gravissime lesioni", al punto da rendere necessario l'intervento dei sanitari del 118 che lo hanno trasportato in ambulanza al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti. Tre costole rotte, un occhio tumefatto e 25 giorni di prognosi il bilancio dell'aggressione.

Secondo le organizzazioni sindacali, che hanno denunciato l'accaduto, una vettura con a bordo una donna, nel tentativo di schivare l'autobus, si sarebbe schiantata contro un muro. A quel punto il conducente è sceso dal mezzo per sincerarsi delle condizione della signora ed allertare i soccorsi. Dopo pochi minuti però, sono sopraggiunti uno o due soggetti, che lo hanno picchiato.

Sull'ennesimo caso di violenza avvenuto a Foggia - si ricorderà quello della dottoressa aggredita durante le operazioni di soccorso di un sinistro stradale, indaga la polizia. In questura sarebbe stato ascoltato il presunto responsabile dell'accaduto, forse un parente della vittima.

Il commento del sindaco Landella

Nell'esprimere solidarietà al dipendente, l'azienda commenta così la sconcertante aggressione: "Ataf è obiettivo di atti vandalici frequenti a danno dei propri mezzi, ma l’aggressione fisica subita dal dipendente sottolinea che il grado di inciviltà, che pervade la nostra città, è davvero elevato e difficile da debellare".

Concludono i sindacati: "L'accaduto è stato prontamente denunciato agli organi di polizia, che siamo certi, sapranno assicurare alla giustizia questi delinquenti. L'inciviltà di simili beceri soggetti, inficia i sacrifici ed il buon nome di tutta quella gente onesta che tanto fa per rendere questo mondo più vivibile e fruibile per tutti"

Aggiornato alle 16.40

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Scossa di terremoto a Foggia e sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento