Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mafia fa piangere di nuovo 'Stefano': il rumore delle bombe che toglie il silenzio a una città terrorizzata dal virus

Seconda bomba in meno di tre mesi al centro per anziani 'Il Sorriso di Stefano' di via Vincenzo Acquaviva a Foggia. Le immagini video

 

La mafia è tornata a farsi sentire, questo pomeriggio, in piena pandemia, alle 14.53. Un fortissimo boato, ancora più forte rispetto all'ordigno piazzato e fatto esplodere il 16 gennaio scorso. Due e mesi e mezzo dopo, nel mirino della malavita, è finito, ancora una volta, 'Il sorriso di Stefano', l'immobile di via Vincenzo Acquaviva donato a Sanità Più dal papà di Stefano Franchi, il ragazzo deceduto nel 2016 per via di una malattia neurodegenerativa.

Le parole di Luca Vigilante: "Non chiudiamo"

Aperto il 3 settembre 2018, in quel centro anziani trenta famiglie vivono la fragilità che accompagna il proprio caro con tranquillità, nella piena sicurezza di una gestione sana e umana prima ancora che altamente professionale. Quella che assicura ai pazienti e ai loro cari Luca Vigilante, stimato manager della sanità privata di Foggia. 

La mafia è tornata, e ha fatto piangere di nuovo 'Stefano', togliendogli quel 'Sorriso' che porta il nome della struttura. Una bomba, alle 14.53 di oggi, ha tolto il silenzio della quarantena e delle strade semideserte, a una città già terrorizzata dal virus.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento