Siciliano prova la truffa del “finto incidente” a Cerignola: scoperto e arrestato

E'successo in Contrada Scarafone, dove i carabinieri hanno arrestato in flagranza per truffa Paolo Mirabile, di 25 anni, nato a Noto. Truffati i conducenti di un furgone Citroen Berlingo e di una Ford Fiesta

Immagine di repertorio

Siciliano prova la truffa del “finto incidente” a Cerignola, ma viene scoperto e arrestato. Il fatto è successo in Contrada Scarafone, a Cerignola, dove i carabinieri hanno fermato e arrestato in flagranza per truffa Paolo Mirabile, di 25 anni, nato a Noto.

Secondo quanto ricostruito, l’uomo - alla guida di una Volkswagen Golf - ha simulato un incidente stradale prima con un furgone Citroen Berlingo, poi con una Ford Fiesta, accusando i rispettivi conducenti di aver danneggiato lo specchietto della propria autovettura. Così, si è fatto consegnare la somma 30 euro come risarcimento del finto danno.

Rintracciato e bloccato dai carabinieri in Contrada Scarafone, nel corso dell’accurata perquisizione personale e veicolare, è stata rinvenuta, abilmente occultata all’interno dell’autovettura, la somma di 60 euro, presunto provento dell’attività illecita, sottoposta a sequestro. Sono attualmente in corso ulteriori indagini allo scopo di accertare altre truffe perpetrate dal 25enne con La medesima tecnica.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento