Inseguimento da film a Foggia: ladri rubano auto, nella folle fuga 'sparano' un estintore contro i carabinieri

Fondamentale il senso civico dimostrato da un passante che, visto quanto stava per succedere, ha perso pochi secondi del suo tempo segnalando il furto in corso. I carabinieri di Foggia, e probabilmente anche il proprietario dell'auto, ringraziano questo sconosciuto

Il materiale sequestrato

Banda di ladri d'auto messa in fuga al termine di un rocambolesco inseguimento, a Foggia. L’operazione resa possibile grazie alla segnalazione di un testimone. E’, in breve, quanto accaduto  alle 22.45 di ieri, quando un passante ha chiamato il 112 informando la Centrale Operativa del Comando Provinciale che alcuni soggetti stavano rubando un'auto parcheggiata lungo via Telesforo.

L'operatore della Centrale ha allora subito fatto convergere sul luogo indicato due equipaggi del Nucleo Operativo e Radiomobile, che in brevissimo tempo hanno individuato e agganciato sia la Jeep Renegade utilizzata dai ladri, che la Volvo XC60 appena rubata. Ne è seguito un breve inseguimento, concluso dopo viale Luigi Pinto, ormai su tratturo Biccari, quando il soggetto alla guida del veicolo asportato, arrestata improvvisamente la marcia e sceso dal mezzo, favorito dal buio si è dato alla fuga a piedi nelle campagne circostanti.

Il conducente della Jeep Renegade, spiazzato dalla manovra del suo "collega", dopo aver speronato l'auto appena abbandonata, ha proseguito la fuga attraverso un campo incolto, nel chiaro tentativo di raggiungere e immettersi sulla Statale 673. Durante la folle corsa fuoristrada, l'uomo seduto sul sedile anteriore lato destro dopo aver tirato fuori un estintore ne ha spruzzato il contenuto verso i carabinieri che stavano inseguendo a piedi il primo fuggiasco, investendoli con il getto tanto da rendere loro impossibile proseguire la corsa. Poco dopo però, prima di fare accesso sulla Statale 673, il veicolo è andato ad impattare contro il fossato di scolo lungo la strada, finendo così la sua corsa.

I tre occupanti sono allora scesi dal mezzo, dandosi anche questi alla corsa. Due sono riusciti a sfuggire ai militari che, nel frattempo, ripresisi dalla fastidiosissima irrorazione del materiale estinguente, avevano ripreso l'inseguimento a piedi, riuscendo ad acciuffare, dopo un'ulteriore corsa, il terzo, mentre ancora indossava i guanti da lavoro. 

All’interno del veicolo Jeep Renegade sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro diversi oggetti utili allo scasso, nonché centraline di diversi veicoli e jammer per inibizione di segnali radio e telefonici. La Jeep Renegade, inoltre, aveva applicate targhe anteriore e posteriore differenti tra loro. La targa posteriore risulta essere abbinata ad un veicolo rubato il 6 febbraio scorso, mentre di quella anteriore era stato denunciato lo smarrimento lo scorso 17 giugno.

La Procura della Repubblica di Foggia, avvisata dell’arresto, ha disposto la sottoposizione dell’arrestato agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima. La nota più positiva della vicenda è rappresentata, al termine, dal senso civico dimostrato dall'anonimo passante che, visto quanto stava per succedere, anziché far finta di nulla e "pensare ai fatti suoi" ha perso pochi secondi del suo tempo segnalando il furto in corso. I Carabinieri di Foggia, e probabilmente anche il proprietario dell'auto, ringraziano questo sconosciuto.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento