L'UniFg vola negli Usa: la Medicina Legale foggiana alla kermesse mondiale della disciplina

Quindici le ricerche accettate dal congresso internazionale più importante nel settore forense. Il gruppo UniFg, guidato dai professori Pietrantonio Ricci e Luigi Cipolloni, sarà il gruppo italiano con più lavori accettati

Immagine di repertorio

L’Università di Foggia ad Anhaheim. L’Istituto di Medicina legale, infatti, vola negli USA per partecipare alla kermesse mondiale della disciplina.

Quindici ricerche accettate dal congresso internazionale più importante nel settore forense. Il gruppo di ricerca UniFg guidato dai professori Pietrantonio Ricci e Luigi Cipolloni sarà il gruppo italiano con più lavori accettati.

Da domani, lunedì 17 febbraio, la sezione dipartimentale di Medicina legale sarà tra i protagonisti della 72esima edizione del prestigioso congresso mondiale dell’AAFS (American Academy of Forensic Sciences), una vetrina scientifica importante che dimostra ancora una volta l’eccellenza della nostra Medicina Legale, da sempre ai vertici in Italia.

Una delegazione dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Foggia raggiungerà gli USA per partecipare all’annuale edizione dell’AAFS, quest’anno in programma ad Anaheim (California, cittadina 25 miglia a sud di Los Angeles) per restare fino al 23 febbraio. Una partecipazione, quella dell’equipe foggiana, che non passerà inosservata grazie alle quindici ricerche scientifiche che saranno presentate a una platea di scienziati, investigatori, medici legali, biologi, genetisti ed operatori forensi che da tutto il mondo parteciperanno al più importante e prestigioso congresso della disciplina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’équipe UniFg, composta dal Prof. Cipolloni, Dott. Francesco Sessa, Dott.ssa Francesca Maglietta, Dott.ssa Michela Ferrara, presenterà, tra gli altri, ricerche di particolare rilievo scientifico quali: uno studio sperimentale sull’espressione alterata dei miRNA nel danno d’organo encefalico, una ricerca innovativa per la definizione del PMI (post mortem Interval) nel caso di ritrovamenti di resti scheletrici (cosa purtroppo molto frequente nel territorio foggiano), e due casi di femminicidio che hanno interessato negativamente la nostra provincia. Un’equipe di alto profilo scientifico per presentare quindici lavori di ricerca che, ancora una volta, collocano l’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Foggia nelle posizioni di vertice della medicina legale italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento