"I musei raccontano la Puglia": il progetto che fa innamorare i bambini da 0 a 13 anni del territorio

Loredana Capone: "Una nuova modalità di comunicazione con i cittadini e, soprattutto, con i giovani affinché si sentano responsabili della bellezza e dell’enorme patrimonio spesso non considerato o, peggio, sconosciuto"

La presentazione de "I musei raccontano la Puglia"

I musei raccontano il territorio, narrano la Puglia. Nasce la prima sperimentazione di rete tra le istituzioni culturali delle città pugliesi per un uso sempre più qualificato e condiviso del patrimonio. L’obiettivo è offrire un prodotto culturale in grado di coinvolgere attivamente le comunità a partire dai bambini.

Il progetto si chiama “I musei raccontano la Puglia” e punta a coinvolgere bambini e ragazzi, da 0 ai 13 anni, per stimolarlo all’uso consapevole, alla fruizione e alla conoscenza dei beni culturali, degli istituti e dei luoghi della cultura pugliesi con particolare riferimento ai Musei. Questa mattina, presso la Mediateca regionale, l’incontro tra l’Assessore all’Industria Turistica e culturale, Loredana Capone, i direttori del Polo Biblio Museale di Brindisi, di Foggia e di Lecce e i sindaci dei Comuni di Foggia, Ceglie, Laterza, Ruvo e Ugento, capofila per le province di Foggia, Bari, Brindisi, Taranto e Lecce, i cui musei si sono rivelati particolarmente virtuosi rispetto all’applicazione degli standard museali. E proprio sugli standard l’assessore ha anticipato che la Regione ha riavviato il percorso di approvazione dei propri livelli di qualità per renderli coerenti con la nuova normativa nazionale.

“Abbiamo tutti bisogno conoscere le nostre origini, la nostra identità - ha detto Loredana Capone - e il Museo è il luogo dove i cittadini con le proprie famiglie, i bambini, le bambine, si uniscono alle proprie radici mentre i turisti si sentono parte della storia della comunità che li accoglie. Con questo nuovo progetto, allora, noi vogliamo sperimentare una nuova modalità di comunicazione e dialogo con i cittadini e, soprattutto, con i giovani affinché si appassionino e si sentano responsabili della bellezza dell’enorme patrimonio che è lì, ad un passo da loro e che, nonostante tutto, è spesso non considerato o, peggio, sconosciuto. Ma è anche un modo per creare una sinergia attiva sul territorio tra le diverse istituzioni, una sinergia indispensabile per realizzare il grande sogno dei pugliesi: quello di rendere i nostri Museo vivi, luoghi in cui parlare e creare, insieme”.

La Regione Puglia, in attuazione di una norma emanata dal Consiglio regionale su proposta del consigliere Enzo Colonna, continua così a sostenere la valorizzazione delle risorse identitarie e delle bellezze dei territori della Murgia e della Gravina che abbracciano Matera 2019, segnando una nuova e importante tappa nel percorso intrapreso.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    [ VIDEO ] C'è speranza per Foggia, il grande gesto di Samuele e Francesco: "Abbiamo fatto bene"

  • Politica

    In tre per la leadership del centrodestra di Foggia: intervista tripla ai candidati sindaco Iaccarino-Landella-Miranda

  • Cronaca

    Paura sulla strada per San Giovanni Rotondo: commando armato assalta e rapina furgone carico di sigarette

  • Cronaca

    Blitz nelle aziende agricole foggiane: una su due è irregolare, multe per 123mila euro

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • 'Garganoland', oltre 1500 posti di lavoro e 115 milioni di euro: fermo il mega parco che fa sognare la Capitanata

  • Tifosi foggiani aggrediti a Padova: ferito 22enne, ultrà gli rubano anche la sciarpa e allo stadio parte il coro: "Teron Teron"

  • Scazzottata tra leghisti sul candidato sindaco: a San Severo finisce in rissa, ad avere la peggio Calvo

  • Oss, manca poco al "concorsone": 30 (+3) quesiti in 45 minuti, prevista anche una "nursery" per le neomamme

Torna su
FoggiaToday è in caricamento