← Tutte le segnalazioni

Altro

1000 abitanti e un sogno: la serie D! Così Roseto Valfortore fa volare i Monti Dauni

Roseto ai playoff di Eccellenza. E ora sogna la Serie D. Potrebbe sembrare casuale, ma non è così. La sapienza del presidente Circelli, coadiuvato in questi anni dal direttore sportivo Colarusso, ha fatto si che il “piccolo” Roseto – squadra di calcio di Roseto Valfortore sui Monti Dauni, diventasse grande.

“Tutto questo – fanno sapere dalla società – non sarebbe potuto accadere se non grazie all’unione di intenti con l’amministrazione comunale, con a capo il sindaco Lucilla Parisi, e di tutta una comunità sempre vicina alla squadra. In questo ultimo biennio, il club è stato capace di vincere la finale playoff di Promozione, a Roccasicura (all’ultimo minuto dei tempi supplementari) grazie allo zoccolo duro, con a capo i vari: Curci, Di Gioia, Izzo e i due Gianni, Giuseppe e Vincenzo, già di casa a Roseto da diversi anni”.

Grazie ai gol della coppia terribile, Tusiano e Melino, che in questi 2 anni sono stati capaci di segnare più di 50 gol, il Roseto non si è fermato alla salvezza neanche in Eccellenza. Al ritorno di Cagiano che in questo biennio ha dimostrato di essere un difensore di tutto rispetto, si sono uniti gli innesti di 2 top player per la categoria: il fantasista Bruno e l’insuperabile difensore Colucci. A fare da chioccia a questo fantastico gruppo, c’è l’intramontabile guerriero Di Virgilio, bomber ormai eterno. Le chiavi del centrocampo sono finite nelle mani del talentuoso Simone Ricciardi, autentico metronomo della compagine del subappennino.

Il Roseto annovera, oltre ai sopra citati, un gruppo di ragazzi molto giovani con i vari D’Aries, Foschino, Di Falco, Fiore, D’errico, Forcella, Casoli, Giampietro e Lagonigro, autentici motori della favola Roseto. “Per ultimo, ma non meno importante – dichiarano dal club dauno -, vogliamo ricordare che a condurre la nostra infaticabile squadra, abbiamo avuto il tecnico foggiano Antonio Ciurlia capace di amalgamare questo gruppo fantastico, sempre coadiuvato dai nostri dirigenti: Pasquale Palumbo, Rino Di Falco, Giuseppe Di Franco, Antonio D’avella, Domenico Basso e dal dottor Esposito. Tutto questo non è frutto di casualità, ma di una “certosina” programmazione”. Insomma, una stagione da incorniciare per il Roseto che, conquistato il secondo posto solitario in classifica, proverà a guadagnarsi lo storico traguardo della Serie D attraverso i playoff. Mercoledì 8 maggio, per la semifinale, il team rosetano ospiterà il Venafro. Il resto sarà solo storia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
FoggiaToday è in caricamento