Da Dj Fabo ai diritti Civili: a Foggia arriva Marco Cappato

Il diritto di decidere come vivere la propria vita, anche nel momento finale. È l’ultima battaglia di Marco Cappato, attivista radicale e punto di riferimento dell’Associazione Luca Coscioni che, da anni, si batte per una ricerca scientifica libera da imposizioni di Stato. Una battaglia che intreccia la storia di Dj Fabo, il quarantenne cieco e tetraplegico che, di recente, Marco Cappato ha accompagnato in Svizzera per esaudire la sua richiesta di suicidio assistito: autodenunciatosi, sotto processo, l’attivista al momento rischia una condanna di 12 anni. Nel libro Credere, disobbedire, combattere (Rizzoli, 2017), l’autore racconta proprio questa esperienza di disobbedienza civile ma, al contempo, affronta anche altre questioni centrali in materia di diritti umani: le droghe, il sesso, internet, la genetica, la ricerca scientifica e molto altro. Venerdì 24 novembre, alle ore 18.30, Marco Cappato incontra il pubblico della città di Foggia, ospite dell’associazione radicale “Maria Teresa Di Lascia”, nella Sala Rosa del Palazzetto dell’Arte “Andrea Pazienza”. L’incontro, organizzato in collaborazione con la libreria Ubik, sarà moderato dal giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Filippo Santigliano

Credere, disobbedire, combattere. Come liberarci dalle proibizioni per migliorare la nostra vita (Rizzoli, novembre 2017). Non cambi il mondo, e non difendi la democrazia, facendo sempre quello che ti dicono di fare. Occorre assumersi la responsabilità di contravvenire a leggi ingiuste senza aspettare che qualcuno gentilmente lo conceda. L’obiettivo non è violare le regole, ma cambiarle, la cosa giusta da fare quando la legge si scontra con il vissuto delle persone, trascurando diseguaglianze rese ancora più profonde dalle proibizioni. È questo che ha fatto Marco Cappato accompagnando in Svizzera dj Fabo, aiutandolo a porre fine alla sua sofferenza a costo di essere perseguito penalmente nel nostro Paese. Ed è questo – ha dichiarato – che farà ancora, per difendere il diritto di tutti di essere “liberi di sorridere, fino alla fine”. Eutanasia e fine vita, dunque, ma anche droghe, sesso, internet, genetica, scienza e diritti umani: contro le molte norme che in diversi campi minacciano la libertà e criminalizzano comportamenti diffusi e realtà sociali ineliminabili, Cappato si batte da anni con gli strumenti della disobbedienza civile e della nonviolenza – che indica non una semplice assenza di violenza, ma la costante opera attiva per convertire la violenza nel suo opposto – seguendo le orme di illustri personalità come Gandhi e di compagni di viaggio come Pannella. Intrecciando pratica e teoria, la sua storia radicale e le sue azioni – dall’arresto a Manchester per la campagna antiproibizionista alla difesa della ricerca sul genoma e le staminali, alla battaglia contro l’informazione manipolata e la limitazione della libertà digitale –, spiega oggi in questo libro perché disobbedire (civilmente) è lo strumento indispensabile per chi vuole migliorare il sistema e difendere la libertà di tutti, cominciando dai settori, la scienza in primis, dove la presenza dello Stato spesso non è soltanto inutile, ma controproducente. E perché occorre farlo in prima persona: “assumendoci la responsabilità delle nostre azioni, sperimentando alternative, creando conoscenza”.

Marco Cappato. Radicale, promotore di numerose azioni di disobbedienza civile per la legalizzazione di eutanasia e droghe e per le libertà civili, è tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e coordinatore del Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • La sanità del decennio 2020-30 e il ruolo del medico e dell'operatore sanitario: se ne parla in un convegno a Foggia

    • solo domani
    • 25 gennaio 2020
    • Ordine dei Medici
  • All'auditorium Santa Chiara il 2° congresso Assimefac di Capitanata

    • solo domani
    • Gratis
    • 25 gennaio 2020
    • Auditorium Santa Chiara
  • Giorno della Memoria: a Deliceto si parla degli Ebrei nelle terre di Puglia

    • 26 gennaio 2020
    • Castello di Deliceto

I più visti

  • Torna il Carnevale di Manfredonia: musica, eventi per bambini, rassegne culturali e artisti locali nel fitto calendario di appuntamenti

    • dal 23 febbraio al 1 marzo 2020
    • Centro
  • I Ditelo voi al Teatro Giordano con “Il segreto della violaciocca”: parte del ricavato devoluto in beneficenza

    • 1 febbraio 2020
    • Teatro Umberto Giordano
  • La sanità del decennio 2020-30 e il ruolo del medico e dell'operatore sanitario: se ne parla in un convegno a Foggia

    • solo domani
    • 25 gennaio 2020
    • Ordine dei Medici
  • A Foggia il primo cineforum in lingua tedesca

    • dal 21 gennaio al 3 marzo 2020
    • Sala Farina
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento