Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bufera in via Fuiani, donna denuncia presunto voto di scambio: "Nessun contributo perché non ho dato la lista degli elettori"

E' pesantissima la denuncia a Foggiatoday di una donna foggiana che aveva fatto richiesta di contributo per disagio economico e se lo è visto negare (anche se gli atti dicono altro)

 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
E' forte e rischia di far tremare via Fuiani la denuncia rilasciata a Foggiatoday da una donna foggiana alla quale, stando al suo racconto, sarebbe stato negato il contributo economico che le Politiche sociali destinano al disagio economico, appunto (circa 250 euro), per non aver ottemperato - sostiene - agli 'impegni elettorali' che le sarebbero stati richiesti dall'assessore dell'epoca Erminia Roberto

Siamo nel periodo aprile - maggio 2019, vigilia di campagna elettorale. Stando al racconto della signora (di cui tuteliamo le generalità dal momento che, trattandosi di contributo per disagio economico, Foggiatoday intende preservarne dignità e status sociale), la stessa avrebbe fatto richiesta del supporto previsto dalle Politiche sociali nel mese di ottobre 2018. La sua richiesta sarebbe stata evasa, però, solo ad aprile 2019 quando, su chiamata dell'assessorato alle Politiche sociali, le viene comunicato di essere stata inserita nell'elenco dei beneficiari. 

Ma la buona novella sarebbe durata lo spazio di un sospiro di sollievo perchè, a stretto giro di posta, il suo nominativo (come si vede dalla carte) è stato cancellato. Con un tratto di penna. Prima anomalia. Non solo, perchè allegata alla documentazione, vi è una "pezza giustificativa" di quel tratto di penna a firma del segretario generale dell'epoca, Maurizio Guadagno, in cui lo stesso dichiara che la donna non avrebbe inteso ritirarlo, tornato all'assessorato in contanti (rettifica all'intervista in cui si parla di restituzione,ndr)

Chi mai, in stato di bisogno economico, aggancia e rifiuta, restituendolo alle casse comunali, il contributo dopo mesi finalmente ricevuto? Ma ci sarebbe ancora dell'altro, stando al racconto della donna a Foggiatoday: lei, denuncia, "non avrebbe preso proprio alcunchè", men che meno vi avrebbe rinunciato. Al contrario, dichiara, constestualmente alla comunicazione di ottenimento del beneficio, le sarebbe stato chiesto di impegnarsi elettoralmente per conto dell'assessore in carica Erminia Roberto (candidata alle comunali 2019), cosa che la signora avrebbe rifiutato di fare. O meglio, la donna racconta di aver ricevuto un modulo prestampato sul quale avrebbe dovuto scrivere  i nominativi di tutti i potenziali elettori che portava "in dote" alla Roberto. Modulo che la donna, però, non avrebbe mai compilato e mai consegnato. "Quel giorno sono stato messa alla porta bruscamente" denuncia, "perchè mi sono presentata a mani vuote".

Che le due cose siano collegate non è chiaro. Sta di fatto che la donna il contributo, dice, non lo ha più preso. Ma gli atti dicono che lo  ha rifiutato. La vicenda, va da sè, assume contorni molto foschi, profilando una serie di reati. All'ex assessore e all'ex segretario fare chiarezza, ciascuno per la propria parte di competenza, naturalmente.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento