Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Fuga di gas, scoppia incendio in appartamento: muore 26enne. Tragedia a San Giovanni Rotondo

Il ragazzo era solo in casa e non ha avuto modo di mettersi al riparo. Sul posto, i vigili del fuoco e i carabinieri. Disposta l'autopsia sul corpo della vittima, l'esameverrà eseguito nei prossimi giorni

 

AGGIORNAMENTO | Tragedia questa mattina, a San Giovanni Rotondo, dove un incendio è divampato all'interno di una abitazione in via Placentino, nei pressi del Comune cittadino. A causare il rogo, tra le ipotesi al momento più acclarate, potrebbe essere stata una fuga di gas. 

Le fiamme, generalizzate in poco tempo, non hanno dato scampo ad un ragazzo di 26 anni, disabile. Si tratta di Antonio Mangiacotti: il giovane, che viveva con lo zio, era solo in casa e non ha avuto scampo. E' morto dopo il ricovero all'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza. 

Il sindaco Cascavilla: "Subito un presidio dei vigili del fuoco in città"

Sul posto, i vigili del fuoco, carabinieri, volontari della protezione civile e vigili urbani. Un agente della polizia locale, durante le fasi d'intervento, ha riportato una leggera intossicazione ed è stato soccorso dal 118. Disposta l'autopsia sul corpo della vittima, l'esame verrà eseguito nei prossimi giorni.

Un destino terribile, per il 26enne, i cui genitori furono uccisi in un agguato di stampo mafioso avvenuto a Borgo Celano, frazione di San Marco in Lamis, nel giugno del 2003: in quella circostanza, il ragazzo, all'epoca bambino, era in auto con le sorelline, quando partì l'agguato nel quale furono assassinati i genitori | VIDEO

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento