menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Parco investe sulla sicurezza: il 30% di risorse in più per il Coordinamento Territoriale per l’Ambiente

Il presidente Pecorella ha incontrato il colonnello Padovano, Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale e il capitano Renzulli, per confrontarsi sulle attività di prevenzione e monitoraggio e controllo del territorio nel Parco Nazionale

L’Ente Parco Nazionale del Gargano è al lavoro per potenziare le azioni di controllo e rispetto della legalità nell’area protetta. Ieri, presso la sede di Monte Sant’Angelo, il Presidente Stefano Pecorella ha incontrato il colonello Federico Padovano, Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia e il capitano Alfredo Renzulli, Comandante del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente Carabinieri, per confrontarsi sulle attività di prevenzione, monitoraggio e controllo dell’intero territorio ricadente nel Parco Nazionale del Gargano da inserire nel Piano Operativo 2017.

“Abbiamo deciso di aumentare del 30%, rispetto alla dotazione iniziale, le risorse economiche stanziate ogni anno dall’Ente per supportare il lavoro di quello che oggi si chiama Coordinamento Territoriale per l’Ambiente Carabinieri, dichiara il Presidente Stefano Pecorella. Ora però ci auguriamo l’implementazione dei servizi da parte del reparto Carabinieri Forestale preposto alla tutela di un Parco che è tra i più antropizzati in Italia e con un’estensione di oltre 120.000 ettari”.

Il Comandante del Gruppo di Foggia ha assicurato l’impegno dei propri reparti per garantire una più costante ed incisiva azione di vigilanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento