GarganoToday

Museo dei dinosauri, ora c'è la firma: la gestione passa al Parco del Gargano

Pecorella: "Riapriremo la struttura che racconta la nostra storia grazie a esemplari di dinosauri dotati di sistemi multimediali che riescono ad impressionare in uno scenario in cui il passato si riprende la scena".

Il museo dei dinosauri

È stato siglato ufficialmente ieri, con la firma della convenzione già deliberata venerdì scorso dal Consiglio comunale di San Marco in Lamis, il passaggio della restante parte del Museo dei Dinosauri di Borgo Celano al Parco Nazionale del Gargano che da anni gestisce già il Centro Visite presente all’interno della struttura.

“È intenzione dell’Ente – ha dichiarato il presidente Stefano Pecorella - riaprire al più presto una struttura importante che racconta la nostra storia grazie a ventisette esemplari di dinosauri a grandezza naturale e dotati di sistemi multimediali di ultima generazione che riescono ad impressionare in uno scenario in cui il passato si riprende la scena”.

PARCO DEI DINOSAURI, E' TUTTO VERO: IL VIDEO

La gestione del museo paleontologico dei Dinosauri si aggiunge a quella del Centro Visite sul carsismo realizzato dal Parco Nazionale del Gargano. Un luogo che grazie al supporto di pannelli illustrativi, filmati e ricostruzioni di luoghi basati su studi scientifici, fa compere al visitatore un affascinante viaggio nella preistoria a caccia di quelle impronte di dinosauri trovate a San Marco in Lamis oltre quindici anni fa da un gruppo di geologi locali e visibili lungo il percorso esterno.

Tra i progetti del Parco del Gargano c’è anche la realizzazione di un centro studi del carsismo e della geologia che andrebbe ad arricchire i locali del Centro Visite e per il quale l’Ente ha già previsto dei fondi in bilancio. “Lavoreremo affinché questo luogo sfrutti al massimo la sua vocazione turistica e storico-culturale per attirare flussi nazionali ed internazionali", continua Pecorella. "Sarà nostra premura effettuare una ricognizione delle attività svolte fino ad ora in un’ottica di trasparenza futura”.

PECORELLA E MERLA, AL LAVORO PER LA GESTIONE DEL PARCO DEI DINOSAURI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che il Parco del Gargano riesca in questa importante mission ne è convinto il sindaco di San Marco in Lamis Michele Merla. “Come ho già detto in Consiglio comunale, sono certo che il Parco Nazionale del Gargano abbia gli strumenti giusti per far compiere un salto di qualità ad un luogo che già registra circa 20mila presenze all’anno e che merita di funzionare con numeri sempre maggiori. Siamo contenti della decisione presa e convinti che questa scelta darà i suoi frutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento