Sport

Euroambiente Manfredonia: seconda sconfitta stagionale, persa la vetta della classifica

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Se in una partita più di una giocatrice della tua squadra si esprime al di sotto dei propri standard, vincere è difficile. Se poi di fronte hai una rivale di alto rango, allora diventa impossibile.

Quasi quattro mesi dopo l'ultima, ed unica, sconfitta stagionale, l'Euroambiente Manfredonia è costretta a capitolare contro lo stesso avversario di allora, il Gioia del Colle, perdendo l'imbattibilità esterna in campionato (durata 9 incontri) e, cosa più importante, abbandonando il vertice della classifica, dopo una sola settimana di regno.

La cronaca. In campo con un 6+1 composto da Valentina Petrova al palleggio, Loredana Montenegro opposta, Valeria Brattoli in banda con Adele Valente, Raffaella Papagno e Mariangela Di Reda centrali, Lucia Fusilli libero, le ragazze di coach Delli Carri disputano un ottimo primo set, prendendo da subito un piccolo vantaggio (2-5) grazie a un buon inizio della Brattoli. Le gioiesi si avvicinano (6-7), ma una bella veloce della Papagno introduce un parziale a favore di Fusilli & Co. che fa salire le sipontine a +6 sull'8-14. La De Moraes in battuta riavvicina la Geatecno (11-14), che prende coraggio e si riporta in parità (18-18, 19-19 e poi 20-20). Il finale di frazione però è tutto della squadra ospite che segna 5 punti di seguito tra l'esultanza dei tanti tifosi sugli spalti, chiudendo il set 20-25 con un pregevole muro della Petrova.

Il secondo parziale inizia come era finito il primo, altri 5 punti consecutivi per il Manfredonia (0-5), ma il Gioia non demorde e, poco a poco, ricuce lo strappo, raggiungendo le rivali sull'8-8, portandosi addirittura avanti (10-8) e costringendo Delli Carri al timeout. Al ritorno in campo, i problemi in ricezione dell'Euroambiente diventano cronici e la squadra di casa vola via (16-10). La Valente, solo una lontana parente della giocatrice ammirata nelle ultime gare, palesa difficoltà che la tengono distante dal match. Incapaci di controbattere, le sipontine crollano sotto i colpi di una scatenata De Moraes e non riescono a limitare i danni neanche dopo l'ingresso del neoacquisto Danila de Liso, in campo al posto della Valente. 25-15 il punteggio finale della frazione.

Sulle ali dell'entusiasmo, le gioiesi iniziano avanti anche il terzo set (4-1) e, approfittando dell'evidente smarrimento del Manfredonia (la Brattoli del primo parziale è ormai un ricordo), incrementano il loro vantaggio, portandolo a +5 (10-5) e poi addirittura a +10 (17-7). Nel momento di maggior abbattimento, però, la capolista trova la forza di ricompattarsi e reagire. La Montenegro suona la carica con 3 punti consecutivi, coach Ironico fiuta il pericolo e chiama timeout sul 19-13. Le sipontine tornano in campo ancor più convinte e sul 21-16 Delli Carri ripropone lo stesso cambio della frazione precedente: de Liso in, Valente out. Le ospiti difendono alla grande, la Fusilli, da vera leader, non smette di incitare le compagne e così la rimonta si concretizza (22-22). Ma sul più bello, la De Moraes rovina i piani dell'Euroambiente, siglando il 24-22 con un muro fuori e il definitivo 25-23 con una delle sue schiacciatone.

Il contraccolpo psicologico per aver perso il terzo set si fa sentire eccome, e così il Manfredonia inizia male anche il quarto parziale, perdendo subito terreno dall'avversaria (8-4). Sul 12-5, Delli Carri sostituisce una spenta Brattoli (per lei 7 punti nella prima frazione e appena 2 nel resto dell'incontro) con Katia Patetta. Un minibreak rimette quasi in carreggiata le sipontine (13-9). La partita però è ormai segnata. Il Gioia, sospinto dai propri tifosi, continua ad affidare alla De Moraes il compito cinico di mettere palla a terra, quello che all'Euroambiente è riuscito difficile per quasi tre quarti di gara, e raggiunge il massimo vantaggio (21-10). La Di Reda con 4 punti nel finale rende meno umiliante il passivo di un set che termina 25-19.

Nel prossimo weekend, il Manfredonia ospiterà il Monopoli, settimo in classifica, il Corato sarà di scena in casa del Triggiano, quint'ultimo, e il Gioia del Colle giocherà col fanalino di coda Barletta.

 

A.S.D. New Volley Geatecno Gioia del Colle-A.S.D. Euroambiente Volley Manfredonia 3-1 (20-25/25-15/25-23/25-19)

6+1 (accanto al cognome di ciascuna giocatrice, i punti realizzati): Montenegro 13, Brattoli 9, Valente 4, Fusilli, Petrova 10, Papagno 4, Di Reda 14. Subentrate: Patetta 1, de Liso. In panchina: Matichecchia, Albanese, Maffei.

Michelangelo Ciuffreda - Responsabile ufficio stampa A.S.D. Volley Euroambiente Manfredonia

(Foto di Lucia Melcarne)

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euroambiente Manfredonia: seconda sconfitta stagionale, persa la vetta della classifica

FoggiaToday è in caricamento