Trofeo Mangiacotti, in semifinale anche la sorpresa Glamour Café

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Si chiudono i quarti, con la sfida che vede di fronte la terza della classe (Glamour Café), contro la sesta (Polpaccio Team), detentrice dello scorso campionato. Partita che si gioca sotto un tempo degno del campionato russo, nonostante sia maggio, comunque a parte questa piccola sottigliezza, i dieci in campo, non si fanno impressionare per niente difatti da entrambi le parti, ci hanno fatto vedere un buonissimo primo tempo, con il risultato sempre in bilico.

Cambia musica nella ripresa, dove la sorpresa Glamour, cambia proprio disco e inizia a fare un pressing molto più convincente che porta i risultati previsti, infatti con un uno-due, fanno il definitivo sorpasso, che viene sigillato anche da alcuni interventi del "portiere per caso" Zorretti (Glamour Café), che fa un paio di interventi decisivi su le cannonate del bomber Merla A. (Polpaccio Team), e anche su qualche tiro velenoso dell'altro Merla F., spesso difficili da prendere.

Un regalino finale in un'azione confusa della retroguardia Polpaccio, conferma definitivamente il risultato a favore di Glamour, che accede in semifinale, raggiungendo Calimé. Grazie agli amici della Polpaccio Team (Cappucci, Cisternino, Conte, De Cata, Greco, Impagliatelli, Lalla, Melchionda, Merla A., Merla F., Mischitelli e Pirro), che quest'anno purtroppo non hanno avuto la stessa brillantezza della scorsa edizione, che aveva visto loro primi nel campionato e quarti nella fase finale.

Di certo credo che, se deciderete di partecipare alla prossima edizione, qualche ritocchino andrà fatto. Infine un grandissimo applauso ai ragazzi della Glamour Cafè, il nostro Atletico Madrid, che nessuno avrebbe mai immaginato dopo il girone di andata, che sarebbe arrivata tra le prime quattro. In bocca a lupo per le semifinali e un arrivederci ai vinti.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento