L'Audace beffata ancora nel finale: il Taranto si salva nel recupero

Allo 'Iacovone' gli ofantini sfiorano il colpaccio con le reti di Rodriguez e Sansone nei primi dieci minuti di gara. Al 22' i padroni di casa accorciano con Favetta. Nel finale il pari degli ospiti: Cappa respinge il penalty di Favetta, ma capitola sul tap in di Benvenga

Finisce in parità il big match tra Taranto e Cerignola e, come la settimana scorsa, i gialloblù (dopo il doppio vantaggio) subiscono il gol del pari al novantesimo. Contestatissimo dagli ofantini il rigore assegnato al Taranto che ha poi portato alla rete di Benvenga.

Mister Feola può schierare la sua formazione tipo con il rientrante De Cristofaro a centrocampo. Siku è il centrale di difesa, Sansone-Longo-Marotta supportano la punta Rodriguez. Panarelli opta per il 4-4-2 con il neo acquisto Olcese in attacco con Favetta. Guaita e Oggiano gli esterni offensivi di centrocampo. La partita ci mette ben poco ad entrare nel vivo. Dopo due minuti, occasione Taranto con Favetta. Cappa sbaglia l’appoggio su Celentano, Oggiano serve l’attaccante di casa il cui tiro viene respinto dalla difesa gialloblù. Scampato il pericolo, il Cerignola carbura e sblocca il match. Minuto 6, De Cristofaro calcia in porta una corta respinta della difesa rossoblù, sulla traiettoria c’è la deviazione vincente di Rodriguez che fa 1-0. Cinque minuti più tardi ed è subito raddoppio: Marotta va via sulla corsia e crossa per Rodriguez. Sposito si salva ma nulla può sul tap-in vincente di Sansone. Il Taranto sembra aver subito il colpo ma ha il merito di non uscire dal match e al minuto 22 riapre la contesa. Sinistro di Favetta all’angolino basso e Cappa battuto. Ora i rossoblù prendono campo. Cuccurullo ci prova dalla distanza senza fortuna, ben più impegnativo è il potente tiro di Stefano Manzo su cui Cappa si rifugia in corner. La prima frazione termina con i tentativi di Guaita e Favetta che però non cambiano il risultato. 1-2 all’intervallo.

La ripresa è sicuramente meno spettacolare e con poche occasioni da gol. Al minuto 57, Favetta calcia largo. Poco dopo è il turno di Rodriguez il cui tiro però non punge. Panarelli prova la carta Goretta mentre Feola risponde con Rosania al posto di Marotta. Il Taranto cerca di alzare i ritmi ma il Cerignola mantiene bene il campo, difendendosi con ordine. La partita scivola così via fino al minuto 89 quando viene fischiato un fallo in area di Rosania su Favetta: è calcio di rigore. Dal dischetto è lo stesso attaccante di casa a calciare: Cappa battezza il lato giusto e respinge con i piedi ma sulla respinta il primo ad arrivare è Benvenga che segna il 2-2.

Termina così alla Iacovone con il secondo pareggio di fila per i gialloblù che lascia più di un rammarico. Testa adesso alla prossima sfida, quando domenica al Monterisi arriverà la Nocerina per chiudere il girone d’andata.

IL TABELLINO

Taranto - AUDACE CERIGNOLA 2-2

(primo tempo 0-2)

MARCATORI: 6′ Rodriguez, 11′ Sansone, 22′ Favetta (T), 91′ Benvenga (T)

Taranto (4-4-2) Sposito, Pelliccia (80′ Masi), Benvenga, Manzo L., Ferrara (10′ Marino), Guaita, Manzo S., Cuccurullo, Oggiano (70′ Goretta), Olcese (80′ Kosnic), Favetta. A disposizione: Giappone, De Letteriis, Matute, Patronelli, Lanzolla. Allenatore: Panarelli

AUDACE CERIGNOLA (4-2-3-1) Cappa, Celentano, Syku, Longhi, Russo, De Cristofaro, Coletti, Marotta (73′ Rosania), Longo (85′ Sindjic), Sansone, Rodriguez (83′ Martiniello). A disposizione: Sarri, Tancredi, Muscatiello, Caiazza, Cinque, Loiodice. Allenatore: Feola.

NOTE:

Ammoniti: Cuccurullo, Guaita (T); De Cristofaro, Syku, Cappa, Rosania (C).

RECUPERO:
Primo tempo: 4’ minuti
Secondo tempo: 4 minuti

Angoli: 5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento