rotate-mobile
Sport

Jeet Kune Do, da Bruce Lee a Foggia. Siliberti: “Disciplina educativa”

Nei giorni scorsi Siliberti ha incontrato Joaquin Marcelo, erede della scuola di Ted Wong, uno degli allievi del grande Bruce Lee, che fondò il Jeet Kune Do

Il 14 e 15 di marzo si è svolto a Milano un incontro/lezione a porte chiuse tra i vertici del jeet kune do (la disciplina fondata da Bruce Lee, ndr) mondiale e quello italiano ( jeet kune do original). Il più grande maestro vivente al mondo Joaquin Marcelo, l'uomo al quale Ted Wong già allievo e a sua volta erede certificato di Bruce Lee, ha lasciato in mano le sorti della sua arte incoraggiando e collaborando con lui alla stesura del più grande compendio tecnico-cartaceo “jeet kune do the way of simplicity”.

Il Maestro Marcelo che sta continuando l'opera di divulgazione nel mondo del JKD attraverso seminari e la la formazione di nuovi allievi-maestri, tenuto un incontro con i maestri di Jeet Kune Do italiani, tra i quali era presente il foggiano Silvano Siliberti, già direttore tecnico regionale per il MIVASS settore JKD, che ha risposto alla chiamata del maestro successore di TED WONG appunto J. Marcelo (che anche Siliberti è stato a suo tempo allievo di Wong, ndr). Nell'attività di Siliberti è stata preziosa la collaborazione di Walter Russo, segretario nazionale dell'ASI (ente di promozione Coni), da sempre interessato alla valorizzazione di tutti gli sport, anche quelli meno diffusi. 

“Pur non catalizzando una mole ingente di milioni di euro come gli altri sport, bisognerebbe dare maggior considerazione al Jeet Kune Do – sottolinea Siliberti – una disciplina che custodisce un valore educativo, morale, salutistico e pratico”.
“Non si tratta di tirare due calci o due pugni – precisa - né si parla di violenza, pur essendo la migliore disciplina in assoluto per la difesa personale. Il Jet Kune Do rappresenta un percorso verso l’espressione della propria essenza umana, un autentico metodo pedagodico, perché attraverso la sua arte si cercano l’armonia, la pace interiore e il rispetto per gli altri”.

Nulla a che vedere con l’immagine di Bruce Lee che emergeva dai suoi film: “Bruce Lee nella vita reale trasmetteva i suoi principi, la vera immagine di sé attraverso il culto di questa splendida disciplina”.

Il Maestro Siliberti, che recentemente sta proponendo gratuitamente dei corsi di difesa personale per i vigili urbani di Foggia auspicando per il bene del corpo che i responsabili del comune colgano l'offerta formativa per la sua polizia locale, pone l’attenzione sui recenti episodi di violenza verso le donne e bullismo minorile: ”Non possiamo lasciare i nostri figli o i nostri cari vittime di una società malata che li brutalizza, o li renda bruti dinanzi alla sordità ai propri bisogni. A Sparta e Atene non esistevano bulli, le generazioni vanno educate a esprimere la propria umanità attraverso una disciplina come il JKD, perché un modo originale e formativo attraverso il quale poter apprezzare i valori della vita”, ha concluso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jeet Kune Do, da Bruce Lee a Foggia. Siliberti: “Disciplina educativa”

FoggiaToday è in caricamento