Sport

Curcio e D'Andrea illudono, Golfo riacciuffa i rossoneri. Il Foggia chiude al nono posto

Finisce 2-2 allo 'Zac' l'ultima gara della regular season, tra Foggia e Catania, risultato che fa scivolare in nona posizione i rossoneri, che nel primo turno dei playoff se la vedranno proprio contro la formazione siciliana

Sarà Catania-Foggia la sfida per il primo turno dei playoff. È l’esito dell’ultima gara della regular season che i rossoneri di Marchionni hanno chiuso al nono posto, in virtù del 2-2 maturato proprio contro la formazione etnea.

Un pari agrodolce che fa “retrocedere” il Foggia di due posizioni e che alimenta più di qualche rimpianto specie per l’andamento della partita, condotta per due terzi dai satanelli. Un punto che serve poco e che “danneggia” di più i rossoneri, costretti ora a giocare in trasferta il primo turno degli spareggi promozione. 

È stato un buon Foggia soprattutto nel primo tempo, quando i rossoneri hanno gioito due volte nel giro di cinque minuti. Protagonista, tanto per cambiare, Alessio Curcio. Sua l’inzuccata vincente al quarto d’ora – su uscita ‘farfallesca’ di Martinez – e suo anche l’assist per la zampata di D’Andrea al 20’. Un doppio vantaggio durato poco meno di quindici minuti, quando dall’altra parte la solita incertezza di Di Stasio ha spianato la strada a Golfo.

Dicevamo: un Foggia più pimpante rispetto alle ultime apparizioni. Complice pure un Catania apparso tutt’altro che ossessionato dall’esigenza di portare a casa la piena posta in palio, ma anche per una oggettiva crescita fisica di alcuni elementi. Marchionni può anche sorridere per i recuperi di Salvi (oltre un’ora in campo da difensore centrale), Del Prete e Morrone, che potranno solo fare comodo per la prossima fase della stagione. 

Più convinta, nella seconda frazione, la squadra di Baldini, che pur senza generare troppe ansie alla retroguardia dei satanelli, nel secondo tempo si è fatta preferire per intenzioni e qualità delle proposte offensive, fino al tap in vincente di Golfo, al 33’, giunto al termine di una concitata azione generatasi dal versante destro. Per il Foggia, solo il rimpianto per una ripartenza in superiorità numerica vanificata da Rocca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curcio e D'Andrea illudono, Golfo riacciuffa i rossoneri. Il Foggia chiude al nono posto

FoggiaToday è in caricamento