Al Foggia non resta che il Coni: legittimo il blocco dei playout, si giocano i playoff

La Corte Federale d'Appello ritiene legittima la decisione della Lega B di procedere agli spareggi promozione, la cui disputa non impedirebbe alla LEga di valutarne l'annullamento successivo in caso di accoglimento dell'appello dei rosanero

Niente da fare per il Palermo calcio. La Corte d'Appello della Figc ha appena comunicato la decisione di non accettare il ricorso della società rosanero per la sospensiva cautelare dei playoff. 

Come si legge nell'ordinanza, la disputa dei playoff "non impedirebbe alla Lega di serie B – preso atto della eventuale decisione di accoglimento dell’appello della società U.S. Palermo e della conseguente necessità di assicurare effettiva ed efficace esecuzione alla stessa – di valutare, nell’ambito dell’autonomia assegnatale dall’ordinamento federale, l’annullamento delle gare play off eventualmente disputate e, quindi, ridefinire la lista delle aventi diritto a partecipare (nonché il relativo calendario) alla disputa della predetta fase finale per la individuazione della terza società delì campionato di serie B titolata ad approdare nella categoria superiore".

Insomma, domani e sabato si scende in campo (sono in programma le sfide tra Spezia e Cittadella e tra Verona e Perugia), partite che potrebbero anche essere rese nulle in caso di accoglimento dell'appello. Ma intanto per la Corte d'Appello la Lega B ha operato in maniera legittima, basandosi sull'effetto esecutivo della sentenza di primo grado, che ha ridefinito la classifica. 

Desta qualche perplessità la terza considerazione con la quale viene giustificato l'operato della Lega: "Atteso l’interesse – anche sotto il profilo organizzativo – della stessa Lega di serie B, quale organizzatrice del campionato di categoria, che, nell’ambito della sfera di autonomia alla stessa riservata, ha legittimamente ritenuto di dare immediata esecuzione alla decisione del Tribunale Federale Nazionale, provvedendo a riscrivere la griglia dei play off ed annullando la disputa dei play out, non più necessari alla luce della riscrittura di fatto effettuata – iussu iudicis – dal Tribunale Federale Nazionale, che vede aggiungersi, quale quarta squadra, la reclamante U.S. Palermo alle ultime tre società in classifica già retrocesse per effetto dei risultati acquisiti “sul campo”.

In parole povere anche per la C.F.A. la mancata disputa dei playout è una scelta legittima, alla luce della retrocessione del Palermo, che si aggiunge alle tre retrocesse (Padova, Carpi e Foggia), senza determinare lo scalamento delle posizioni. Una dichiarazione che va in contraltare con quanto dichiarato due giorni fa dal presidente della Figc Gravina, secondo il quale il Consiglio Direttivo della Lega B non fosse in possesso delle competenze per decidere il blocco dei playout. 

A questo punto non resta che sperare nel Collegio di Garanzia, che domani si pronuncerà in merito al ricorso del Foggia contro i 6 punti di penalizzazione. Gli scenari sono molteplici: la restituzione anche di un solo punto garantirebbe ai rossoneri la salvezza (allo stato attuale delle cose) o la possibilità di disputare i playout in caso di futuro - ma piuttosto improbabile - ripristino degli stessi; un parere negativo, invece, condannerebbe i rossoneri definitivamente alla retrocessione, ma non si esclude che il Collegio passi la "patata bollente" alla Corte Federale d'Appello, come già accaduto dopo il ricorso dei rossoneri contro gli 8 punti di penalizzazione. 

Intanto, oggi, il presidente Lucio Fares ha avuto un breve colloquio - alla presenza del sindaco Landella - con il ministro degli Interni Salvini, a margine del comizio al Cicolella. Facile dedurre il contenuto del breve colloquio, ovvero la richiesta di attenzionare un po' tutta la situazione in serie B. Ma la sensazione è che a prescindere dall'esito dell'udienza di domani, la storia sia lontana dalla sua conclusione, e che l'estate che tarda ad arrivare si preannuncia come una delle più bollenti di sempre. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • In fuga su una Ferrari rubata lungo la Statale 16: polizia insegue la 'rossa' da 140mila euro, ladro scende e scappa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento