La doppietta di Galetti decide il derby tra San Severo e Atletico Vieste

Il derby d'Eccellenza va alla capolista del girone grazie ai gol siglati ad inizio e fine ripresa dall'argentino Galetti, che ha deciso una gara divertente ed equlibrata

Le formazioni al centro del campo

Il San Severo si aggiudica il primo derby dauno del campionato di Eccellenza battendo al "Ricciardelli" l'Atletico Vieste per 2-0. I padroni di casa confermano quindi la posizione di capolista al termine di una gara dai due volti: equilibrato e spettacolare per le tante occasioni da rete imbastite nel primo tempo da entrambe le formazioni, ma con il piatto della bilancia totalmente dal lato dei locali una volta andati in vantaggio, complice anche la scarsa lucidità con cui i viestani hanno cercato di raddrizzare il risultato a loro sfavorevole.

Erano proprio i viestani ad avere la prima occasione da rete con il lancio in profondità di Devita per Compierchio il cui pallonetto su Pizzolato in uscita finiva di poco al lato. Al dodicesimo giungeva la prima occasione da rete per i sanseveresi: il cross dalla sinistra di Ladogana veniva smanacciato da Bua che, successivamente, si opponeva col corpo alla conclusione a rete di Cesareo, al suo rientro dopo una giornata di squalifica.

Un minuto più tardi Conte tentava di beffare l'estremo difensore viestano con un pallonetto dal limite, mancando l'incrocio dei pali più lontano per pochi centimetri. Il numero di occasioni da rete tornava in parità al diciassettesimo quando Compierchio mandava ancora fuori di poco un pallone ricevuto da Colella da centrocampo.

Il primo legno della partita veniva colpito dai padroni di casa al ventesimo: Conte scodellava un pallone in area che Galetti girava quasi fortuitamente verso la porta, colpendo in pieno la traversa, con Bua costretto al ruolo di spettatore non pagante. Sulla sfera si avventava Cesareo che cercava di sorprendere il portiere viestano con un colpo di tacco spedendo fuori.

Un colpo di testa di Rocco Augelli finito sopra la traversa e un intervento in due tempi di Bua su Ladogana infiammavano i minuti attorno alla mezz'ora. Al 38mo Paolo Augelli crossava dalla destra, Pizzolato allontanava ostacolato da un compagno ma si superava mandando sulla parte alta della traversa la susseguente conclusione a botta sicura di Pasquariello.

Nel recupero le ultime occasioni da rete delle due formazioni: prima una sgroppata di Compierchio veniva girata da Rocco Augelli di poco al lato, poi una discesa di Ladogana veniva deviata in corner da Bua. L'equilibrio che ha regnato nel primo tempo veniva spezzato ad inizio ripresa, in occasione della rete del vantaggio dei padroni di casa.

A realizzarlo era l'argentino Galetti, fino a quel momento ancora a secco di gol in stagione, bravo ad appropriarsi di una ribattuta della difesa avversaria su tiro di Cesareo e a battere Bua con un preciso tiro in diagonale.

Il gol non solo sbloccava il risultato in favore dei padroni di casa, ma mandava in confusione l'intera formazione ospite, che per la scarsa lucidità accantonava i fraseggi palla a terra che tante occasioni avevano creato, affidando ai lanci lunghi dalle retrovie verso le punte la speranza di riacciuffare il pari, senza risultato.

Se si eccettua una botta da fuori area di Compierchio ben parata da Pizzolato, il Vieste non si è mai reso pericoloso in area avversaria, consentendo al San Severo di poter gestire il vantaggio. Nemmeno gli ingressi di Longo e Gentile riuscivano nell'intento di pungere la squadra avversaria che perveniva al raddoppio poco prima del novantesimo complice un'ingenuità di Sollitto che preferiva tentare di contenere il mastodontico Galetti per agevolare l'uscita di Bua, uscendo sconfitto dal corpo a corpo che permetteva al bomber argentino di realizzare la rete della doppietta personale.

A fine gara la panchina viestana protestava con il sig. Mattia Politi di Lecce, arbitro della gara, per aver lasciato impunito qualche intervento con i gomiti da parte di alcuni giocatori sanseveresi, in primis proprio l'autore delle due segnature Galetti.

Se il San Severo continua la sua galoppata solitaria in testa alla classifica (salvo sorprese relative alla omologazione del 3-2 inflitto al Terlizzi), l'Atletico Vieste fa un passo indietro nella gestione dei momenti difficili, smarrendo la lucidità che ha contraddistinto il ribaltamento del risultato di soli 7 giorni fa quando passò dallo 0-1 al 3-1 contro l'Atletico Mola. E' su questo che dovrà lavorare in settimana mister Angelo Terracenere, in vista della partita casalinga di domenica prossima contro la Liberty Molfetta, quando mancherà Campanella che riceverà la squalifica in settimana per raggiunto limite di cartellini gialli consentiti.

San Severo Calcio – Atletico Vieste 2-0

SAN SEVERO. Pizzolato; Mangiacotti, Russi, Silvestri, Mongelli, Di Simone (83' Ianniciello), Ladogana (83' De Nicola), Conte, Galetti, Cesareo (65' Stango), Lanave. A disposizione: Bruno; Termine, Mastrangelo, Ancona. Allenatore: Rufini.

ATLETICO VIESTE. Bua; P. Augelli (81' P. Augelli), Sollitto, Pasquariello (65' Basso), Campanella, Ricucci, R. Augelli, Perlangeli, Devita (65' Longo), Colella, Compierchio. A disposizione: Orlandino; Murgo, Cota, Silvestri. Allenatore: Terracenere.

Arbitro Mattia Politi di Lecce, assistenti Luca Lucanie e Michele Cicolella di Molfetta

Reti: 5st e 43st Galetti

Ammoniti: Cesareo, Ladogana, Lanave, Galetti e Silvestri (San Severo); Campanella e Sollitto (Atletico Vieste)

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento