Il San Severo ospita il Taranto. Ciofi e quel rigore parato che valse la Coppa

Marcello Ciofi, ora preparatore dei portieri, ricorda una sfida del 94-95 di Coppa, vinta proprio dal San Severo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Cinque confronti, due vittorie per il Taranto (1-0 il 14/10/2014, 2-1 lo scorso 18/10/2015) e tre pareggi (1-1 il 13/10/2013; 0-0, il 23/02/2014; 3-3 il 26/04/2015). È questo il bilancio dei testa a testa tra le due squadre in Serie D. Il Taranto è quarto con 42 punti, 38 gol fatti, 23 subiti (media inglese: - 6), il San Severo nono con 33 punti (42 fatti, 37 subiti, media inglese: -13). Marcatori: Davide Evacuo per il San Severo (16 gol), Giuseppe Genchi per il Taranto (15 gol).

In realtà, i confronti tra le due squadre diventano dieci se si considerano quelli della precedente permanenza dei giallogranata in serie D: "Negli anni 1994-1995, San Severo e Taranto s'incontrarono altre cinque volte: due vittorie a testa e 1 pareggio il bilancio. Il San Severo era l'autentica bestia nera del Taranto e domenica la sfida si rinnova", ricorda Marcello Ciofi, oggi preparatore atletico, portierone giallogranata all'epoca dei fatti, protagonista anche di una straordinaria parata su rigore in occasione della gara di ritorno di Coppa Italia proprio col Taranto.

"Ricordo benissimo quel momento, la tensione prima del fischio dell'arbitro e la gioia incontenibile di tutta la squadra dopo la parata", aggiunge Ciofi. Per la cronaca, il San Severo non solo superò gli ottavi di finale ma vinse addirittura la Coppa.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento