San Severo calcio, il futuro a rischio. L'appello di Miglio: "Non possiamo far morire 100 anni di storia"

Il primo cittadino invita il mondo dell'imprenditoria locale, tifosi e sostenitori "a contribuire in maniera tangibile alle sorti del San Severo calcio"

Nei giorni scorsi l’USD San Severo Calcio ha lanciato un grido d’allarme a pochi giorni dalla chiusura dei termini per l’iscrizione al campionato di Eccellenza, massimo campionato regionale pugliese alle soglie del mondo nazionale.

“Siamo molto vicini alla dirigenza della nostra massima espressione calcistica in questo momento di grande sofferenza alla vigilia della chiusura dei termini di iscrizione – dichiara il Sindaco avv. Francesco Miglio -. Ho recepito in queste ore le forti preoccupazioni della società che deve far fronte ad ingenti somme per perfezionare la pratica al fine di giocare regolarmente il campionato di Eccellenza.

Ho raccolto il grido d’allarme e sono consapevole che non si può far morire così una società che ha quasi 100 anni di storia e che è iscritta dal lontano 1922 alla Federazione. Invito pertanto il mondo dell’imprenditoria locale, tutti i sostenitori e tifosi, gli sportivi della città a contribuire in maniera tangibile alle sorti del San Severo Calcio, garantendo un sostegno utile a perfezionare l’iscrizione al campionato e consentire la sopravvivenza della nostra massima società calcistica. Restiamo tutti vicini alle sorti dell’USD San severo Calcio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento