Foggiani e immigrati con la stessa maglia: ecco il Real Mezzanone, la squadra che unisce

L’iniziativa è stata promossa dalla Parrocchia di Borgo Mezzanone ‘Santa Maria del Grano’ e dall’Aps Auxilium. Mercoledì 7 giugno la presentazione: “Vogliamo che questa borgata, così ricca di storia, diventi un luogo ricco anche di futuro”

Ci sono partite molto importanti da giocare, anche (o soprattutto) a Borgo Mezzanone. Ci sono il dolore e la rabbia per la vittima dell’ennesima violenza, e c’è la voglia di coltivare una speranza concreta: che anche in questo lembo di terra, a metà tra il cielo e l’inferno dell’indifferenza e dell’incomprensione, si possa costruire qualcosa di buono da cui ripartire. Il calcio è un modo di stare insieme, di allenarsi a vincere sfide che sembrano impossibili.

Ecco, questo è il sogno che ha fatto nascere il Real Mezzanone Football Club, la squadra interculturale di Borgo Mezzanone. La rosa della compagine è formata da 14 ragazzi, 8 italiani e 6 di altre nazionalità, tutti di età compresa fra i 12 e i 18 anni. La compagine è allenata da un giovane ghanese. L’iniziativa è promossa e supportata da: Parrocchia di Borgo Mezzanone, Aps Auxulium, i tre Lions Club di Foggia (Giordano, Arpi e Host), avvocati della Camera Minorile di Capitanata, Fondazione Banca del Monte Siniscalco Ceci, Due Sport, Farmacia Santa Rita e tanti privati che hanno colto con entusiasmo l’idea.

La Parrocchia, insieme all’Aps Auxilium, ha progettato e promosso la formazione di una squadra di calcio per favorire un percorso di socializzazione e di integrazione culturale tra ragazzi presenti nella borgata. L’iniziativa e la squadra saranno presentati mercoledì 7 giugno 2017, alle ore 10, nel Chiostro della Parrocchia di Borgo Mezzanone. La squadra ha già un nome e grazie a una raccolta fondi, possiede anche la divisa completa (maglie, pantaloncini, calzettoni, borsoni), i palloni, le scarpe da calcio e tutto quanto è necessario per allenarsi e giocare. Alle ore 10.45 saranno presentati i giocatori della compagine.

VISIONE E AMBIZIONE. “La situazione attuale di Borgo Mezzanone sembra essere nota a tutti”, spiegano gli organizzatori dell’iniziativa. “Noi abbiamo una visione e un’ambizione: vogliamo che questa borgata, così ricca di storia, diventi un luogo ricco anche di futuro, e un posto nel quale vivere il presente in serenità e armonia, qualcosa che va oltre il concetto di sicurezza. Un futuro che abbiamo l’ambizione di rendere migliore, più felice e più giusto, con il contributo di tutti: degli italiani e dei nuovi cittadini della borgata. Quando parliamo di ‘contributo di tutti’, vogliamo dire che i problemi e le contraddizioni di Borgo Mezzanone, così come i suoi punti di forza, non sono questioni che riguardano solamente le istituzioni e le forze dell’ordine. Siamo noi, sono le persone che abitano la borgata a dover assumere un ruolo attivo e da protagonisti nella rinascita di Borgo Mezzanone. Crediamo che questa squadra sia un modo di coltivare la speranza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Visione con ambizione” è il motto del Real Mezzanone, impresso sul logo ideato dai ragazzi della squadra, che hanno scelto il cobra come simbolo di forza, regalità e saggezza. Oggi la squadra non ha un proprio campo sul quale allenarsi e giocare, poiché quello esistente necessita di una di ristrutturazione completa, per cui deve spostarsi di volta in volta su impianti privati a pagamento e così siamo solo all’inizio della raccolta fondi per il campo da calcio di Borgo Mezzanone. Mercoledì 7 giugno, però, i ragazzi troveranno ugualmente il modo di giocare al calcio, indossando le loro divise per cominciare a scrivere una storia importante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento