menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Gela blocca sul pari i satanelli. Doppio Sau e finale con rissa

I rossoneri passano per primi e poi agguantano gli avversari. Nel finale partita sospesa per cinque minuti a causa dei diverbi scoppiati in campo dopo il secondo pareggio. Due espulsi e tanta tensione

Non vi era alcun dubbio che sarebbe stata una partita esaltante e ricca di gol, ma in pochi avrebbero scommesso in un pareggio, il quarto in questo campionato. A resuscitare il Gela, seppur parzialmente, ci hanno pensato i ragazzi di Zdenek Zeman, come sempre in vena di regali quando si tratta di aiutare gli avversari che versano in situazioni critiche di classifica.

PRIMO TEMPO - Inizio scoppiettante dei rossoneri. Al minuto numero dieci i padroni di casa passano con un perfetto diagonale di Sau servito sulla destra da un bel passaggio in verticale di Kone. Il Gela non c’è ma ci pensa Ivanov a risvegliare gli ospiti. Suo l’errore che propizia il pareggio di Cunzi servito da Docente.
I rossoneri non ci stanno e al 29esimo Kone avrebbe il pallone del vantaggio, ma la palla termina fuori di pochissimo. Nell’ultimo quarto d’ora non succede più nulla. I siciliani chiudono bene gli spazi e gli esterni. I satanelli non riescono a sfondare.

SECONDO TEMPO - La ripresa comincia nel peggiore dei modi. Tocca a Laribi emulare il Burrai delle giornate precedenti. Al sesto minuto il centrocampista perde palla a metà campo e favorisce la rapida e letale ripartenza degli ospiti in gol con D’Anna. Al 21esimo un altro errore di Laribi avrebbe potuto essere fatale per i rossoneri, ma fortunatamente i siciliani sbagliano l’impossibile. Due minuti prima Insigne a colpo sicuro su cross dalla destra di Farias aveva piazzato fuori la palla del probabile pari.

Il Foggia c’è e spinge sull’acceleratore. Ci provano Sau e Farias, ma sono gli ospiti a fallire il gol del ko. All’85esimo il Foggia si fa furbo. I satanelli non restituiscono palla agli avversari, Agodirin solo in area calcia a rete e sulla corta respinta di Nordi, ancora Sau mette in rete. E’ il pareggio definitivo. Fino al novantesimo non si giocherà più per effetto delle ripetute interruzioni di gioco e della rissa scoppiata in campo tra i giocatori delle due compagini. Espulsi D’Anna e Candrina.
 

RETI: 10' Sau (F), 24' Cunzi (G), 51' D'Anna (G), 85' Sau (F).

FOGGIA: Ivanov, Candrina (70' Agodirin), Tomi, Salamon, Rigione (63' Torta), Romagnoli, Farias, Kone (82' Agostinone), Sau, Laribi, Insigne.
A disposizione: Santarelli, Caccetta, Varga, Palermo.
Allenatore: Zdenek Zeman.

GELA: Nordi, Petrassi, Aliperta, Porcaro, Giardina, Cardinale, Scopelliti, Zaminga, Docente, Cunzi, D'Anna.
A disposizione: Maraglino, Italiano, Piano, Crivello, Avantaggiato, Saany.
Allenatore: Alfonso Ammirata.

RETI: 10' Sau (F), 24' Cunzi (G), 51' D'Anna (G), 85' Sau (F).

ARBITRO: Daniele Bindoni di Venezia. RECUPERO: 6 minuti (2' pt + 4' st). AMMONITI: Zaminga (G), Rigione (F), Giardina (G), Aliperta (G), Tomi (F), Kone (F), Torta (F), Cunzi (G). ESPULSI: 90' D'Anna (G), 90' Candrina dalla panchina (F). SPETTATORI: 5.500 circa.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento