Foggia calcio, per la panchina c'è Oddo: l'ex Udinese favorito su Nicola

Reduce dall'infausta esperienza di Udine, il tecnico pescarese è ora il favorito numero uno. Ma resta in piedi l'opzione Nicola. I Sannella delusi da Stroppa, possibile braccio di ferro sulla rescissione. Mutualità: si farà ricorso

Massimo Oddo (Ansa)

E' Massimo Oddo il nome nuovo per la panchina del Foggia. L'ex terzino destro di Lazio e Milan, campione del mondo con la Nazionale di Lippi nel 2006, è salito prepotentemente nella gerarchia dei sostituti di Giovanni Stroppa, già approdato a Crotone per trovare l'accordo con la società rossoblu. Un addio, quello del tecnico di Mulazzano, che ha comunque addolorato e deluso la proprietà rossonera, per i modi e tempi in cui si è consumato, ma soprattutto perché Franco e Fedele Sannella, suoi fervidi difensori soprattutto nei momenti più difficili dell'ultima stagione, non aspettavano un dietrofront così improvviso.

Oltretutto Stroppa aveva, di concerto con Nember, valutato e approvato la sede di Ronzone, dove il Foggia disputerà il ritiro precampionato dal 15 al 30 luglio prossimi. L'addio doloroso potrebbe anche incidere sulle trattative che Stroppa dovrà intavolare con la sua ormai ex squadra per la risoluzione del contratto che, come è noto, scade a giugno del 2019. Non è da escludere che si possa generare un braccio di ferro tra le parti, a meno che non entri in gioco lo stesso Crotone, con cui il Foggia dovrà trattare anche il riscatto di Olli Kragl, già pattuito per la somma di 400mila euro. Si vedrà.

Intanto il Foggia e Oddo potrebbero presto legarsi, e dar seguito a un progetto tecnico che, pur cambiando guida, ha sempre messo al primo posto il raggiungimento del risultato attraverso il bel gioco. E' stato così si dalla serie D con Padalino, proseguendo con De Zerbi e Stroppa. E sarà così se dovesse arrivare il tecnico pescarese, reduce dall'infelice parentesi sulla panchina dell'Udinese, partita prima benissimo con 5 vittorie consecutive (tra cui il prestigioso successo a San Siro sul campo dell'Inter, ndr), cui però ha fatto seguito un improvviso crollo che ha portato a undici k.o. di fila e il conseguente esonero a vantaggio di Igor Tudor. Oddo a Foggia potrebbe trovare l'ambiente giusto per il rilancio dopo un inizio di carriera promettente, ma caratterizzato da risultati altalenanti (una promozione in A con il Pescara e due esoneri). Tuttavia restano in piedi le candidature di Davide Nicola, con Zironelli più defilato. Molto flebile quella di Rastelli, che ha anche costi non indifferenti.

Oddo si legherebbe ai colori rossoneri con un contratto biennale. Due le condizioni che sarebbero già state poste: il completamento della rosa entro il 15 luglio, quando la squadra partirà per il ritiro, e soprattutto la risoluzione positiva (cioè, senza la paventata retrocessione a tavolino) del processo sportivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mutualità: si farà ricorso

Intanto la società farà ricorso al Tribunale Federale contro il provvedimento con il quale l'Assemblea della Lega di B ha negato ai rossoneri l'erogazione della mutualità, a causa del mancato versamento entro il 22 gennaio della fideiussione (bloccata dopo l'arresto di Fedele Sannella) a garanzia dello sforamento del tetto salariale per il mercato invernale. La fideiussione è stata poi versata lo scorso mese. Per il ricorso la società dauna si è affidata a due professionisti di alto livello, come Antonio Catricalà e Luigi Fischetti. Catricalà, noto magistrato calabrese, è presidente di sezione del Consiglio di Stato, ed è stato presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, nonché viceministro dello Sviluppo Economico (governo Letta) ed ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (governo Monti); attualmente, tra i vari incarichi, ricopre quello di presidente di Aeroporti di Roma. Fischetti, 65enne foggiano, è stato Procuratore Federale della Figc dal 1993 al 2004, ha ricoperto l'incarico di Procuratore Capo della Federazione Medico Sportiva Italiana. Dal luglio 2016 è componente del Tribunale Nazionale Antidoping, e dall'ottobre dello stesso anno è Presidente del Tribunale Federale della Federazione Medico Sportivo. Fischetti difenderà l'ex presidente del Foggia Lucio Fares, tra i 37 deferiti nell'ambito del processo sportivo a carico del Foggia calcio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento