Il futuro del Manfredonia è un'incognita, i tifosi preparano un sit in e avvisano il presidente Sdanga: "Vada via"

I tifosi sipontini si raduneranno lunedì prossimo davanti alla sede della società per ribadire le propria posizione nei confronti del presidente: "Siamo stanchi e schifati dalla sua gestione. Non appoggeremo i suoi tentativi di restare"

Dopo la retrocessione in Eccellenza, il futuro del Manfredonia calcio continua a essere un contenitore di incognite. I tifosi, però, non si arrendono e proseguono la loro battaglia, soprattutto quella ingaggiata da tempo con il presidente Antonio Sdanga

In una nota pubblicata i supporter sipontini parlano di "situazione disastrosa, una delle poche certezze che abbiamo. Oltre alla pioggia di vertenze dei vari calciatori che continuano ad arrivare come se non ci fosse un domani, dobbiamo aggiungerci il preoccupanti silenzio che non fa ben sperare". 

"Le voci di corridoio - spiegano i tifosi - dicono che Antonio Sdanga stia facendo di tutto per continuare la sua avventura da presidente, magari racimolando aiuti e consensi per farci passare un'altra stagione fallimentare. Siamo stanchi e schifati dalla sua gestione. Il Manfredonia calcio non può dipendere da una persona che ormai tutti sanno di non essere più in grado di garantirci un degno futuro". 

Per gli ultras del Donia "è bene che il signor Sdanga sappia che non appoggeremo in alcun modo ogni suo tentativo di restare alla guida del Manfredonia Calcio. Non rappresenta più questa città, ma solo se stesso. Contestualmente chiediamo ai soggetti interessati a proseguire con il calcio a Manfredonia, di farsi avanti. Questa città ha fame di calcio". 

Per questo i supporter si raduneranno lunedì 9 luglio alle ore 20 davanti alla sede del Manfredonia calcio in via San Giovanni Bosco (ingresso tribuna) "per mettere in chiaro ancora una volta la nostra posizione. Invitiamo tutti i tifosi del Manfredonia a essere presenti e a unirci ancora una volta per dimostrare che questa città merita di più. Quel giorno indossiamo orgogliosi i nostri colori e sventoliamo fieri le nostre bandiere, perché il Donia siamo noi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento