Sport Stadio

Pisa - Foggia 1 a 1: a Defrel risponde il sempreverde Carparelli

Nella terza giornata di Lega Pro, i rossoneri sfiorano il colpaccio andando in vantaggio con il centravanti francese ma vengono raggiunti dal capitano nerazzurro.

Il Foggia archivia la doppia trasferta raccogliendo un altro punto in quel di Pisa. Ma se a Vercelli si è potuti a ragione parlare di due punti persi, diverso è il discorso che si deve fare a proposito della sfida di oggi. I rossoneri avevano di fronte una squadra ben più quotata e forte di 4 punti in classifica nelle prime due gare di campionato. La squadra di Bonacina ha affrontato la gara a viso aperto, rischiando qualcosa ma cercando di offrire un gioco propositivo e non esclusivamente votato al contenimento. L'1 a 1 è il giusto risultato per una partita tutto sommato gradevole, pregna di agonismo (forse anche troppo) e con qualche buona giocata nonostante un terreno di gioco inguardabile.

LA PARTITA - Pagliari deve rinunciare a Obodo, Nicastro e a Bizzotto, e così affianca Scampini a Berardocco in mezzo al campo mentre in difesa c'è Ton insieme a Raimondi. Perez è il partner d'attacco di Carparelli. Nel Foggia Bonacina avanza Venitucci nel ruolo di trequartista, in un 4-2-3-1 completato dagli esterni Cortesi e Lanteri e dalla punta Giovio. La gara non decolla complice il terreno pesante. Le squadre si studiano scoprendosi molto poco e, eccezion fatta per l'occasione in apertura di match avuta da Giovio, non si registrano grandi occasioni. Ci pensa Ilari al 25', con una pregevole girata di prima, a scuotere la traversa e gli assonnati tifosi presenti allo stadio. Pochi secondi dopo ci prova anche Scampini ma Ginestra è attento. La ripresa è più vivace complici anche i cambi dei due tecnici: nel Pisa Perna rileva Perez, Bonacina inserisce Molina per uno spento Cortesi, e Defrel per un inconcludente Giovio. I due cambi rossoneri si rivelano azzeccati, perché proprio il francese - all'esordio in campionato - trova il gol al 29' ribadendo in rete un cross dalla destra del solito Lanteri. La gioia però dura solo tre minuti, perché è il capitano Carparelli a togliere le castagne dal fuoco con una bella girata di testa che anticipa Lanzoni e beffa un incolpevole Ginestra. Il finale si fa incandescente, fioccano i cartellini, finiscono fuori Scampini per un'entrataccia su Wagner e Meduri coinvolto nella successiva rissa. Bonacina si gioca la carta Agodirin ma non basta. Finisce in parità, una partita nella quale i rossoneri hanno dimostrato grande personalità e passi in avanti sotto il profilo del gioco.

LA SVOLTA - I cambi di Bonacina hanno sicuramente dato più qualità e incisività alla manovra offensiva della sua squadra. Nella ripresa, Molina a destra punge di più rispetto al pallido Cortesi, e Defrel è bravo a capitalizzare la prima occasione avuta nove minuti dopo il suo ingresso in campo. Ottima anche la prestazione di Wagner nel ruolo di play basso davanti alla difesa affiancato da Meduri. La sua presenza in campo libera Venitucci dai compiti di copertura e garantisce il giusto equilibrio al centrocampo rossonero. Promosso il nuovo schema 4-2-3-1.

LE PAGELLE

I TABELLINI

Pisa (4-4-2): Pugliesi; Benvenga, Raimondi, Ton, Benedetti; Ilari (20´ st Tremolada), Berardocco, Scampini, Favasuli; Carparell, Perez (17´ st Perna). A disp.: Sepe, Audel, Lanzolla, Gatto, Strizzolo. All. Pagliari
Foggia (4-2-3-1): Ginestra, Cardin, Lanzoni, Gigliotti, Tomi; Meduri, Wagner; Cortesi (11' st Molina), Venitucci (37' st Agodirini), Lanteri; Giovio (20´ st Defrel). A disp.: Botticella, D´Orsi, Bianchi, Tiboni. All. Bonacina

Arbitro: sig. Gianluca Aureliano di Bologna

Marcatori: 29´ st Defrel (F), 32´ st Carparelli (P)

Ammoniti: Meduri (F), Raimondi (P), Venitucci (F), Giovio (F), Cardin (F), Molina (F), Favasuli (P), Carparelli (P)

Espulsi: Al 44´ st Scampini (P) e Meduri (F)

 

IL FOGGIA SECONDO DON MATTEO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Foggia 1 a 1: a Defrel risponde il sempreverde Carparelli

FoggiaToday è in caricamento