menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo Sarno (ph. Roberto D'Agostino)

Vincenzo Sarno (ph. Roberto D'Agostino)

Foggia-Ischia 1-1, le pagelle: errori sinistri a sinistra

Le espulsioni di Di Chiara e Agostinone condannano la squadra alla sofferenza per oltre venti minuti. Sarno, che gemma. Tre lottatori a centrocampo

Un punto a Ischia per consolidare l’autostima, e la striscia di risultati utili consecutivi giunta a quota sette. Il pari del “Mazzella” non può che essere visto in maniera positiva, perché la squadra ha saputo resistere senza soffrire più di tanto per oltre venti minuti con due uomini in meno. Una prova di carattere, che edulcora la prima parte di gara dove invece i rossoneri si erano fatti piacere di meno, nonostante il vantaggio di Sarno. Prima però, i rossoneri erano stati graziati da Mancino che ha fallito maldestramente un calcio di rigore.

FOGGIA (4-3-3) Narciso 6,5; Angelo 6,5 Loiacono 5,5 Gigliotti 6,5 Di Chiara 5; Agnelli 6 Coletti 6,5 Gerbo 6; Sarno 6,5 (11'st Agostinone 5) Iemmello 6 (40'st Viola s.v.) Floriano 5,5 (24'st Bencivenga 6). A disposizione: Micale, De Giosa, Riverola, D’Allocco, Lodesani, Sainz Maza, Bollino, Tarolli, Sicurella. All. De Zerbi 6,5

Narciso 6,5  Non c’è palla alta sulla quale non arrivi prima di tutti. Si mangia con gli occhi, e con le parole, Mancino dopo il cucchiaio sballato. Nulla può sul gol dell’ex rossonero.

Angelo 6,5 – Preziosissimo il suo lavoro in fase difensiva specie dopo la doppia espulsione. Bravo non solo quando spinge.

Loiacono 5,5 – Come sempre, poche sbavature, ma il fallo da rigore rischia di pesare e tanto nell’economia della partita. Fortuna che Mancino sia indulgente verso la sua ex squadra

Gigliotti 6,5 Bravo a contenere Orlando, e a resistere nel finale.

Di Chiara 5 Difficile giustificare un giocatore che si fa sbattere fuori dopo una simulazione. Non che nel primo tempo le cose fossero andate meglio, con Kanoute che spesso orbitava nella sua zona ed era a tratti incontenibile.

Agnelli 6 Dà l’idea di non essere al top, e infatti in settimana ha avuto degli acciacchi. Ma in una gara in cui c’era bisogno di lottatori, lui la sua parte la fa e anche bene.

Coletti 6 Nel difficile primo tempo va in affanno anche lui. Rimedia nella ripresa, riuscendo a tenere la squadra corta, e facendo un gran lavoro di interdizione.

Gerbo 6,5 Laddove è richiesta la quantità e la corsa, depone il fioretto per impugnare la sciabola. Encomiabile il lavoro in fase di non possesso nella ripresa. E’ sempre il primo ad avviare il pressing anche con la squadra in nove.

Sarno 6,5 Si accende a sprazzi, anche perché il Foggia nel primo tempo è in difficoltà. Una palla buona a disposizione, sufficiente per generare un capolavoro (11’st Agostinone 5 Commette un’ingenuità grossa, perché se sei ammonito e la tua squadra è in dieci devi fare attenzione. A parziale discolpa, il fallo di Mancino che lo sbilancia).

Iemmello 6 Sgomita, fa a sportellate, lotta su ogni pallone, esponendosi anche a situazioni di uno contro quattro, manco nelle risse all’americana (40’st Viola s.v.)

Floriano 5,5 Il campo è quello che è, così come la condizione atletica. Nella ripresa si posiziona alle spalle di Iemmello dopo la sua uscita. E’ poco ispirato, ma senza palle a disposizione non è così semplice accendere il talento (24’st Bencivenga 6 – Seconda scelta a destra, terza a sinistra. Le contingenze lo vogliono in campo sulla corsia mancina, lì dove quasi sicuramente giocherà con il Monopoli).

De Zerbi 6,5 Voto al carisma di una squadra che una partita come quella di oggi, in altri tempi l’avrebbe persa. Resta qualche perplessità sulle difficoltà incontrate dai suoi nella prima frazione. Meglio nella ripresa, quando la squadra guadagna campo e tiene in mano il pallino del gioco anche in dieci. In nove è costretta a soffrire, e dimostra di saperlo fare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento