Sport

Doppio Sarno e Agnelli, Catanzaro steso. Trionfo rossonero al "Ceravolo"

Senza Iemmello i rossoneri vincono e convincono al "Ceravolo" con un secco 3-0. Apre Sarno, su tiro-cross di Chiricò. A inizio ripresa raddoppia il capitano su rigore, chiude nel finale ancora il fantasista. Espulsi Bernardi e Floriano. Rossoneri sempre a -2 dalla vetta

Lo scorso anno fu una delle peggiori partite della gestione De Zerbi. L'indiscutibile e pesante 3-0 che i calabresi rifilarono all'undici rossonero suggellarono il momento più difficile per i satanelli. Dieci mesi dopo il Foggia si vendica come meglio non poteva, vincendo con il medesimo punteggio e riprendendo la corsa per il primo posto, interrotta bruscamente dai due mezzi passi falsi interni con Juve Stabia e Paganese. Una vittoria nel segno di Vincenzino Sarno, che si riscatta dopo il rigore fallito sabato scorso, e del capitano Agnelli, che proprio su rigore ritrova il gol, premio perfetto per una prova da incorniciare. 

Un gol e due cartellini rossi. Non si fa mancare nulla il primo tempo del Ceravolo. Lo chiude avanti il Foggia grazie al gol di Sarno giunto a conclusione di una velocissima ripartenza. E' un Foggia diverso dal solito: De Zerbi si affida alla qualità di Vacca in cabina di regia, mentre l'attacco, orfano di Iemmello, è composto dal tridente leggero ma veloce e tecnico. La posizione di Sarno al centro dell'attacco, consente alla squadra di De Zerbi di dare pochi punti di riferimento; il resto lo fanno i due esterni sempre imprevedibili, sempre nel vivo dell'azione. Chiricò a destra conferma le buone impressioni di sabato scorso, con i suoi tagli centrali, o la ricerca dello scambio con Angelo. Sarà proprio l'ex giocatore del Pavia a perfezionare il primo letale contropiede, sciupato da Floriano, e a mandare in porta, seppur un po' casualmente, Sarno in occasione del gol. Un gol seguito quasi subito dal rosso a Bernardi, reo di aver colpito Gigliotti con una manata. Catanzaro sotto di un gol e di un uomo, eppure le migliori cose la squadra di Erra le fa vedere proprio in inferiorità numerica, a partire dal quasi gol di Giampà (colpo di testa sotto porta e miracolo di Narciso), fino a giungere alla pressione esercitata nei minuti finali, quando anche il Foggia perde un uomo, per un colpo proibito che Floriano avrebbe rifilato a Calvarese, subentrato a Firenze dopo l'espulsione di Bernardi.

LE PAGELLE

SECONDO TEMPO - Pronti via, e subito il Foggia va in gol. Ancora un rigore, ma stavolta si presenta Agnelli dal dischetto e segna. Netto il fallo subito da Sarno, migliore in campo insieme proprio al capitano e a Gerbo. Il centrocampista scuola Inter fa mostra delle sue grandi doti di corridore e rubapalloni, azionando le mille ripartenze alle quali il Catanzaro gioco forza si espone. I giallorossi prendono il comando delle operazioni, e avrebbero anche le occasioni per accorciare le distanze, ma Razzitti sotto porta in due occasioni perde lo spunto decisivo. Poca cosa, perché il Foggia sa stare in campo e chiudere i giusti varchi. E fa male in contropiede nel finale. Sarno chiude il suo grande pomeriggio firmando la rete del 3-0 defnitivo, su preciso invito di Agnelli. Il Foggia trionfa, mette a tacere le polemiche e resta incollato alla Casertana. La lotta per il primo posto continua.

CATANZARO (4-3-3) Grandi; Bernardi, Squillace, Ricci, Moi; Foresta, Giampà (10'st Taddei), Agnello; Mancuso, Razzitti, Firenze (35'pt Calvarese). A disposizione: Scuffia, Patti, Orchi, Caselli, Barillari, Garufi, Caruso, Agodirin. All. Erra

FOGGIA (4-3-3) Narciso; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara; Agnelli, Vacca (29'st Coletti), Gerbo; Chiricò (36'st Lanzaro), Sarno (41'st Sainz Maza), Floriano. A disposizione: Micale, Bencivenga, De Giosa, Riverola, Lodesani, Sicurella, Adamo, Agostinone. All. De Zerbi

Arbitro: Di Ruberto di Nocera Inferiore

Marcatori: 30'pt Sarno (F), 2'st rig. Agnelli (F), 40'st Sarno (F)  

Ammoniti: Squillace (F), Gigliotti (F), Moi (C), Calvarese (C)

Espulsi: 31'pt Bernardi (C) per comportamento violento, 40'pt Floriano (F) per comportamento violento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppio Sarno e Agnelli, Catanzaro steso. Trionfo rossonero al "Ceravolo"

FoggiaToday è in caricamento