Sport

La crescita di Rubin, le geometrie di Vacca, la corsa delle mezzali: le pagelle di Lecce-Foggia

Grande prestazione del gruppo. Il grande lavoro di Gerbo e Agnelli, perfetto supporto per la creatività del regista rossonero. Bene anche il pacchetto arretrato

Non avrà vinto, ma ha sicuramente convinto. Se non sempre lo 0-0 regala degli spunti interessanti, il pari del ‘Via del Mare’ contiene invece tanti motivi per poter disegnare un sorriso sul viso di Stroppa e dei suoi giocatori. Bel gioco, carattere e personalità non sono mancati a Lecce, a dispetto delle due trasferte precedenti di Matera e Castellammare.

Emozioni, zero gol, ma grande Foggia: pari a reti bianche al ‘Via del Mare’

Segno che il vero Foggia non è quello dimesso che pareggiò soffrendo con i lucani, e ne ha beccato quattro in casa delle ‘vespe’, ma quello gagliardo e sprezzante del pericolo visto ieri sera. E poco importa se il primato ora è caduto in mano alla Juve Stabia. Il campionato è lungo e l’equilibrio regnante (quattro squadre raccolte in punto) porterà a molti cambi di testimone in cima alla classifica. L’importante è farsi trovare pronti nei momenti cruciali. E il Foggia di Lecce ha sicuramente dato un grosso segnale alle avversarie e anche a se stesso.

FOGGIA (4-3-3) Sanchez 6,5; Angelo 6 Martinelli 6,5 Empereur 7 Rubin 6,5; Agnelli 6,5 Vacca 7 Gerbo 6,5; Chiricò 6 (35’st Sarno s.v.), Padovan 5,5 Mazzeo 6 (27’st Sainz Maza s.v.). A disposizione: Tucci, Loiacono, Quinto, Letizia, Agazzi, Sicurella, Dinielli, Riverola, Sansone. All. Stroppa 6,5

Sanchez 6,5 – Per la prima volta la rete della sua porta resta sgonfia. Sbarra la strada a Caturano, e mostra una certa sicurezza tra i pali e al centro dell’area sulle palle alte.

Angelo 6 – Centellina le discese, perché trova Ciancio che non scollina quasi mai. Dietro balla un po’ troppo, e infatti il Lecce fa male proprio dalla sua parte.

Martinelli 6,5 – Sbavature poche, a fronte di buone chiusure e una certa sicurezza in fase di impostazione.

Empereur 7 – Determinante in una delle ripartenze dei leccesi, quando impedisce a Caturano di girarsi e calciare. Abbina le rudezze degli stopper vecchio stampo, all’eleganza dei centrali moderni. Difensore di spessore.

Rubin 6,5 – La cannonata al volo che maltratta la traversa, meritava migliori fortune, e forse avrebbe generato un gol più spettacolare di quello rifilato al Monopoli. Se non altro per la posizione più defilata, i tempi per la coordinazione più ristretti, e la totale incolpevolezza del portiere avversario. Il quasi gol gli dà fiducia, perché spinge, attacca, cerca il tiro, e tiene bene dietro. In crescita costante.

Agnelli 6,5 – Senza quel tiro ciabattato, sarebbe stato il migliore in campo. Nel primo tempo è onnipresente, recuperando una vagonata di palloni, senza disdegnare le finezze, come la caramellina per Rubin. Criticato troppo, oltre i reali demeriti.

Vacca 7 – Porta palla dando come sempre un senso a ogni sua giocata. C’è sempre un pensiero profondo dietro ogni tocco. Due verticalizzazioni ‘zemaniane’ avrebbero meritato maggiori fortune.

Gerbo 6,5 – Corre tipo i fan che rincorrono i ciclisti durante le scalate più dure del Giro d’Italia. E quando trova il pertugio giusto, va via che è un piacere. Da una sua fuga in cui ne fa fuori due, si origina la palla gol sciupata da Agnelli.

Chiricò 6 – Poco spazio per cercare la soluzione a lui più congeniale, il movimento verso il centro e la conclusione mancina. Quando ci riesce, Bleve può solo ringraziare i santi a cui è devoto. Va a sprazzi, ma corre e si sacrifica molto (35’st Sarno s.v. – Entra e subito cerca di purgare il Lecce per la terza volta su punizione. Non ci riesce. Però è tornato, ed è già una gran bella notizia)

Padovan 5,5 – Tanto movimento, poca concretezza. E in un paio di occasioni ha il piede di legno. Giornata no

Mazzeo 6 – Sacrificato sulla corsia, ma il lavoro che fa è un esempio di intelligenza tattica (27’st Sainz Maza s.v.)

All. Stroppa 6,5 – Per oltre mezz’ora incarta il Lecce, e mostra una superiorità nel gioco e nelle occasioni. Alla sua squadra è mancato solo il gol. Piace l’atteggiamento e la personalità con la quale i suoi ragazzi hanno interpretato la gara in casa della rivale più pericolosa del girone. E questo vale anche più dei semplici tre punti, perché ti dà nuove consapevolezze, rappresentare anche una svolta per il prosieguo del campionato. Fossimo in lui, saremmo soddisfatti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crescita di Rubin, le geometrie di Vacca, la corsa delle mezzali: le pagelle di Lecce-Foggia

FoggiaToday è in caricamento