L'Iposea Udas Volley in scena ad Andria dopo il turno di riposo

«Abbiamo sfruttato la pausa per lavorare ancora su noi stessi, soprattutto su quei piccoli difetti che commettiamo in gara - affermano i tecnici - e poi ovviamente abbiamo provato gli schemi in vista del prossimo match».

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Dopo aver rispettato un turno di riposo nello scorso fine settimana, l'Iposea Udas Volley torna in campo domani alle ore 19 al Polivalente di via delle Querce per affrontare la Pallavolo Andria. Lo staff e gli allenatori Leo Castellaneta e Roberto Ferraro durante la sosta ne hanno approfittato per recuperare alcuni atleti con dei problemini fisici. «Abbiamo sfruttato la pausa per lavorare ancora su noi stessi, soprattutto su quei piccoli difetti che commettiamo in gara - affermano i tecnici - e poi ovviamente abbiamo provato gli schemi in vista del prossimo match».

Mancano poche partite alla fine della stagione e le gare diventano sempre più impegnative. «D'ora in avanti - spiegano gli allenatori - in campo vanno le motivazioni di ogni squadra e ogni gara è impegnativa per tutti». La Pallavolo Andria viene da un periodo altalenante e nel girone di ritorno non è riuscita a trovare la continuità di risultati. La squadra di mister Julian Lozowy fin dall'inizio del campionato ha come obiettivo la permanenza in serie B.

Anche dopo il turno di riposo l'Iposea Udas Volley mantiene ben saldo il secondo posto in classifica con 38 punti. Andria viaggia a metà graduatoria con un bottino di 25 punti. La gara verrà arbitrata da Beatrice Picerno, coadiuvata dal secondo assistente Michele Lotito.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento