menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Allenamento del Foggia

Allenamento del Foggia

Ischia-Acd Foggia Calcio 3-1 | Il cuore non basta, vincono i Campani

I rossoneri cadono anche in casa della capolista Ischia. Non basta il gol di Famiano in risposta al vantaggio di Cunzi

Non si può dire che il Foggia non ci abbia provato, o che l’atteggiamento degli uomini di Padalino sia stato rinunciatario. Certo è che per battere la corazzata Ischia, serviva molto di più, in termini di gioco soprattutto. Così come servirà ora dare un’occhiata a chi sta dietro, perché la serie negativa, salita a cinque match senza vittorie, ha reso i playoff un obiettivo impronunciabile, a dispetto dei playout avvicinatisi sensibilmente.

RITORNO AL PASSATO – Quinto non c’è, infortunato, il che conduce Padalino a riscoprire il 4-4-2 accantonato due mesi fa. E così Compierchio e Palazzo vanno sulle fasce, mentre Famiano fa l’esordio dal primo minuto in appoggio a Giglio. La regola degli Under impone la presenza di Cassandro in luogo di Basta. Nell’Ischia solito 4-3-3, con Longo e Cunzi esterni d’attacco e Perna centrale. Alfano ha il compito di orchestrare la manovra dei suoi. La qualità degli interpreti campani si vede, nella manovra che anche in giornate non particolarmente brillanti, dimostra di possedere logica, e le potenzialità per far male.

Tutto poi diventa più facile se in avanti si può contare sulle qualità di Cunzi, la cui imprevedibilità nei movimenti manda in costante affanno Cassandro e i centrali difensivi. Il centrocampo poi è un mix di classe e sostanza, garantita dalle succitate geometrie di Alfano, dalla corsa di Nigro e dalle ficcanti penetrazioni di Armeno. L’asse a sinistra Tito-Armeno-Cunzi, si rivela decisivo, nella qualità delle giocate e soprattutto in termini realizzativi. Saranno proprio loro tre a sigillare i propri cognomi nel tabellino dei marcatori. Il gol di Cunzi giunge al 18’ dalla sinistra, dopo un’ottima verticalizzazione proprio di armeno.

ISCHIA-ACD FOGGIA CALCIO: LE PAGELLE

La reazione del Foggia, non una novità, arriva dopo due giri d’orologio, con Famiano, bravo a trovare l’incornata su cross di Cassandro, sfruttando alla perfezione l’uscita a farfalle di Mennella. Il gol fa sì che i rossoneri non vadano in ginocchio dopo un quarto di gara, anche se è sempre l’Ischia a manifestare raziocinio nella manovra. I rossoneri invece si affidano quasi sempre al lancio a scavalcare il centrocampo. Mai un fraseggio nello stretto. E’ la forza d’animo a tenere in piedi il Foggia.

GOL SPEZZAGAMBE – La bordata vincente di Tito all’11’ della ripresa, segna di fatto la fine delle ostilità. La classica prodezza del singolo, che risolve una contesa altrimenti potenzialmente indirizzata verso il più salomonico dei risultati. Prima infatti, c’era stato ben poco. Dopo ci sarà ancora meno. Padalino tenta il tutto e per tutto attingendo alle fonti offertegli dalla panchina. Ma se Agostinone e Coccia fino ad ora sono stati tra i più deludenti partendo dall’inizio, difficile ipotizzare che il trend cambi schierandoli a mezz’ora dal termine.

Coccia infatti si vedrà solo per l’errore che regalerà ad Armeno il gol del 3-1 finale al 90’. Agostinone lo si vede soltanto sulle distinte consegnate in sala stampa. Basta, l’ultimo ad entrare, ha sul piede il pallone del pareggio, a 5’ dal termine, ma trova l’ottima risposta di Mennella. troppo poco per far male ad un’Ischia, non apparso nel momento di massimo splendore, ma a cui è bastato una sforzo non eccelso per avere la meglio su questo Foggia, volenteroso sì, ma davvero povero sul piano tecnico e del gioco. Sbagliato sarebbe stato pretendere a tutti i costi i tre punti, ma è anche vero che se l’ultima partita dell’anno solare, dovesse vedere il Foggia ancora a secco, non si potrà tacciare di blasfemia chi oserà sospettare sulla stabilità della panchina di Padalino.

I tabellini

Ischia (4-3-3) Mennella; Finizio, Rainone, Mattera, Tito; Nigro (7’ Platone), Alfano (17’st Galizia), Armeno; Longo (35’st Conci), Perna, Cunzi. A disposizione: Incarnato, Russo, Ausiello, Masini. Allenatore: Campilongo

Foggia (4-4-2) Micale; Cassandro (23’st Basta), Loiacono, Esposito, Picascia; Compierchio (17’st Coccia), D’Ambrosio, Agnelli, Palazzo; Famiano (17’st Agostinone), Giglio. A disposizione: Monaco, D’Angelo, Tommaselli, Villani. Allenatore: Padalino

Arbitro: Ranaldi di Tivoli

Marcatori: 18’pt Cunzi (I), 20’pt Famiano (F), 11’st Tito (I), 45’st Armeno (I)

Ammoniti: Cunzi (I), Tito (I), Galizia (I), Agnelli (F), Palazzo (F), Compierchio (F), Esposito (F), Loiacono (F)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento