I detenuti 'definitivi' condannano la compagine di Mongelli alla sconfitta

Obiettivo dell'incontro: porre attenzione sul sovraffollamento delle carceri e promuovere buone pratiche di integrazione, reinserimento e promozione sociale

Fair play e strette di mano. Poi il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, ha premiato i vincitori dell’insolito incontro di calcio che si è svolto questo pomeriggio nella casa circondariale di Foggia. Sul campetto di via delle Casermette, infatti, una rappresentanza di consiglieri e funzionari comunali ha incontrato – palla da gioco al piede – la squadra dei detenuti dell’istituto, dando vita ad uno degli appuntamenti del progetto “Sportiva…mente, insieme per l’integrazione”, co-progettato dalla 4° commissione consiliare, dall’assessorato alla Formazione e Pubblica Istruzione, dalla casa circondariale e dal CTP “Giannone” del capoluogo dauno.

Sugli spalti un centinaio di detenuti a sostegno della loro rappresentativa in campo, designata al termine di un vero e proprio quadrangolare nel quale si sono fronteggiate, in incontri ad esclusione diretta, le squadre di ogni reparto dell’istituto (‘Alta Sicurezza’, ‘Giudicabili’, ‘Penale’ e ‘Definitivi’). A prevalere su tutte le altre è stata la compagine dei ‘Definitivi’ (età media dei giocatori in campo 25-28 anni, con pene definitive superiori ai 5 anni).

Con la casacca rossa, la squadra ospite si è imposta anche sulla squadra capeggiata dal primo cittadino, aggiudicandosi l’incontro per 7 a 4. In campo, per i primi dieci minuti di gioco, il sindaco ha vestito i panni del portiere subendo le prime due reti degli avversari. A poco sono serviti gli “sforzi” di Leonardo Iaccarrino e Franco Landella. Per la squadra di Palazzo di Città in campo c’erano anche Laccetti, Leone, D'Agnone e Terenzio.

Al di là del risultato – dato meramente cronachistico - l’iniziativa, come ha ricordato l’assessore Maria Aida Episcopo, vuole rappresentare “un tassello di un percorso di sensibilizzazione, promosso e sostenuto dal Comune di Foggia, che orienti sempre più la società civile verso positive pratiche di integrazione, reinserimento e promozione sociale”, ma anche porre l’attenzione sul problema del sovraffollamento delle carceri, fenomeno sentito e patito anche nella struttura foggiana, al Villaggio Artigiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento